Pioggia di multe dai controlli della polizia locale: a Ponte San Nicolò staccati 562 verbali

Tremila e 130 veicoli controllati, quasi nove al giorno, lungo tutto il 2017, solo a Ponte San Nicolò. Ricco e dettagliato il bilancio presentato da Antonio Barbieri, comandante della polizia locale del comando intercomunale di Ponte San Nicolò, Legnaro e Polverara a inizio febbraio. Ormai dal 2015 le polizie locali si coordinano come un’unica forza, garantendo così una maggior presenza tra le strade svolgendo in maniera “smart” le attività d’ufficio. Nel territorio di Ponte San Nicolò sono stati staccati 562 verbali per infrazioni al codice della strada, 13 i veicoli sequestrati. Sono stati 40 gli incidenti rilevati dai vigili: di questi, 21 si sono risolti senza conseguenze fisiche per le persone coinvolte, mentre 19 hanno registrato 25 persone ferite. È andata peggio a Legnaro, con 26 sinistri e con 30 feriti, mentre a Polverara si sono registrati solo tre incidenti con due persone ferite. La polizia locale, a Ponte San Nicolò, ha controllato 19 attività, effettuato 15 verifiche edilizie e concesso 43 pareri Osap sull’occupazione di suolo pubblico. 57 i nuovi cartellini per il parcheggio per i disabili a fronte di 36 rinnovi. Solo due, poi, i trattamenti sanitari obbligatori. 531, poi, gli accertamenti di residenza. Il 2017 è però stato anche l’anno del debutto del sistema di lettura targhe lungo la statale Piovese e da due “velobox” lungo viale del Lavoro. “È drasticamente calato il numero di violazioni riferite all’eccesso di velocità – scrive Barbieri nella sua relazione – anche il sistema “lettura targhe” in funzione da luglio sta portando buoni risultati, consentendoci di sanzionare parecchi veicoli con revisione scaduta e stanare diversi utenti che circolano senza copertura assicurativa”. Al di là della tecnologia, il risultato maggiore è quello, per la polizia locale, di aumentare la sua presenza su strada: “Consente di migliorare le condizioni di sicurezza infrastrutturale della circolazione stradale, soprattutto nella tutela di pedoni e ciclisti”.

Andrea Canton

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento