Professione fotografo: “In ogni scatto c’è una parte di me”

Oggi chiunque fotografa qualunque cosa della propria vita. Le foto invadono i dispositivi digitali e quasi mai vengono sviluppate. Molti giovani credono che basti questo a costruire un girono una professione. Ma non è così. Stefano Sturaro, titolare dello studio di fotografia gFproduzioni di Conselve, ha iniziato a fotografare a 17 anni,colpito dai colori della natura e dallatecnica del bianconero.

“La pellicola – ricorda il fotografo – è stata una gavetta importante: fino al 2004 ho fotografato solo con 35mm e medio formato. Molti giovani oggi acquistano subito la reflex digitale di fascia alta per sentirsi già al pari di un professionista. La tecnologia aiuta, ma può anche tradire: saper catturarela luce con otturatore, diaframma e iso è un allenamento mentale. La pellicola è scuola, e anche oggi propongo alcuni servizi a pellicola”. Dalla natura al giornalismo, e poi al settore dei matrimoni, il passo è stato breve: Stefano adora fotografare in mezzo alla gente tanto che isuoi reportage nel sociale hanno prodotto alcune mostre pubbliche. Mail settore per cui lo studio è ormai un riferimento nella zona sud di Padova sono i matrimoni.

“Certo il cuore del nostro lavoro – spiega Sturaro –sono le coppie di futuri sposi. Per loro lavoriamo a 360° con la massima priorità, e ci spostiamo in tutto il Nord Italia, soprattutto in Veneto. Io sviluppo un progetto attorno a ogni una coppia, non corro dietro al singolo scatto.Così per altri progetti: i clienti scelgono un metodo di lavoro e il mio stile artistico. Ma ci occupiamo anche di fotografia di famiglia, riprese sportive anche con service di stampa, riprese di eventi locali conphotoshooting e broadcasting video”.

In un’era dove il digitale ha invaso la vita quotidiana, affacciarsi al mestiere di fotografo professionista implicauna calibrata miscela di capacità tecniche, formazione, creatività e iniziativa.“Ma non basta – ricorda Stefano – è fondamentale essere imprenditori saper gestire un’attività e sviluppare un brand; altrimenti la fotografia rimane una passione. Ma le opportunità ci sono, l’importante è specializzarsi per distinguersi ed emergere. E poi, se lavori bene, sono i clienti a premiarti, con recensioni positive!”. Visitate il sito e vedrete! http://www.grandeeffe.it

 

 

Lascia un commento