Noale: rivoluzione in centro per rilanciare il commercio in affanno

Raffica di chiusure di storiche attività nel centro di Noale con la fine dell’anno scorso, e nel paese sono scoppiate le polemiche. C’è chi accusa l’amministrazione di aver fatto poco e chi propone una cura choc per ridare linfa ad un capoluogo in difficoltà. Sulla questione cerca di dare una risposta il Comune con il primo cittadino Patrizia Andreotti.

Sindaco Andreotti, come si pone l’amministrazione rispetto alle dichiarazioni di rappresentanti della vita cittadina che parlano della necessità di una ‘cura choc’ per rilanciare il commercio nel centro storico?

“Alla fine del 2017 si sono concentrate alcune chiusure derivanti dal raggiungimento della meritata pensione da parte degli esercenti e da motivi non legati all’attrattività del paese. In qualche caso l’attività effettivamente non è riuscita a proseguire con le proprie forze. Di questo siamo coscienti, abbiamo contattato qualche titolare per capire meglio come sono andate le cose. Va anche detto che a Noale vi sono attività di recente apertura che funzionano molto bene. Stiamo facendo verifiche sui dati perché risulta che a volte vi siano problemi legati ad affitti troppo alti per l’attuale mercato”.

Quali sono state le iniziative messe in campo dall’amministrazione per promuovere il commercio? “Fin da inizio mandato questa amministrazione si è posta come obiettivo la rivitalizzazione della città cercando di rimettere il paese al centro del territorio del Miranese. Eventi come la partenza di una tappa del giro d’Italia 2016 o le celebrazioni del centenario della morte di Egisto Lancerotto con la mostra nel museo nazionale di Villa Pisani che ha meritato la medaglia d’oro della Presidenza della Repubblica, hanno promosso Noale a livello nazionale. Nel corso del 2017 ho visitato due città cinesi per promozione turistica. In un caso è stato firmato un patto di amicizia con la Città di Hangzhou. Nell’altro è stato inaugurato il museo del gelato italiano creato da un imprenditore noalese, con uno spazio dedicato interamente a Noale, presso la citta di Jiaxing. A questo vanno aggiunte le innumerevoli mostre, attività e spettacoli realizzati anche assieme alle associazioni e dalla Proloco. Nel bilancio va messo l’istituto Enaip che ha trasferito i corsi a Noale e la Cgia di Mestre che ha deciso di aprire una propria filiale. Il Consorzio Acque Risorgive ha deciso di trasferire qui la propria sede e i suoi 70 dipendenti. Il parco giochi di via Vecellio è tra i più visitati della zona”.

Quali le strategie per il 2018? “Per il 2018 proseguiremo con la riqualifica di alcune zone, tra le quali l’area di ingresso paese da Sud, l’area dell’ex consorzio agrario oltre alla costruzione di un ponte ciclo pedonale che collegherà il parcheggio a sud-ovest con il centro storico. Rivisiteremo completamente la viabilità del centro rendendola più fluida e semplice, ripristinando il collegamento completo tra le due piazze permettendo al paese di tornare a “respirare” secondo la propria naturale conformazione. Inizieremo una graduale pedonalizzazione delle piazze garantendo, massimo accesso alle attività del centro.

Eliana Camporese

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento