Comune di Mira: in arrivo 10 dipendenti in più. Si punta su efficienza e digitalizzazione

Fine dell’immobilismo, la macchina amministrativa del Comune di Mira riparte con l’arrivo di oltre 10 nuovi dipendenti in pianta organica, e questo porterà vantaggi ai cittadini che avranno a disposizione una macchina burocratica più efficiente. L’amministrazione comunale infatti aveva ha perso ben 12 posti in 5 anni durante la giunta guidata dal sindaco Alvise Maniero. Ad annunciare le novità è il vicesindaco di Mira Gabriele Bolzoni che è anche assessore al personale. Fra i settori che più avranno più rinforzo ci sono quelli della polizia locale: in questo caso da inizio anno a giugno avrà tre agenti in più, che saliranno così da 6 a 9 più uno a part- time. Ma non solo. I nuovi dipendenti arriveranno tutti, con procedure di selezione pubblica, stabilizzazioni da mobilità e assunzioni da agenzie interinali. “Dal giugno del 2017 ad ora abbiamo – illustra Bolzoni – provveduto ad inserire nell’organico due nuove assistenti sociali, grazie alle agenzie interinali, sono stati stabilizzati due impiegati uno del comparto lavori pubblici e un altro del comparto urbanistica. È arrivato un vigile attraverso la graduatoria di un altro comune, mentre un altro si è trasferito da Pianiga”. Poi i concorsi pubblici. “Va detto che in queste settimane – continua il vicesindaco – sono stati pubblicati due concorsi pubblici per l’assunzione di un vigile, e di un istruttore amministrativo e anche questo è un bel risultato”. Entro fine anno arriverà un altro dipendente del comparto finanziario e della sicurezza. La macchina comunale è potuta ripartire con l’assegnazione del ruolo di segretario generale, che è il vertice dell’organizzazione che è stato assegnato al dottor Guido Piras.

“Abbiamo varato la nuova organizzazione del Comune – continua Bolzoni – che conta oltre 140 dipendenti con i cinque dirigenti, e abbiamo ridisegnato l’area dei responsabili dei servizi, cioè delle cosiddette posizioni organizzative. Tutto senza spendere un euro in più di quanto spendeva la giunta precedente”. E stato ricostituito inoltre il nucleo di valutazione con tre esperti esterni, sono riprese le relazioni sindacali che hanno portato all’intesa sul contratto integrativo, recuperando e chiudendo l’accordo del 2016 – 17. Va detto infatti che la precedente giunta non aveva chiuso, anzi era in contenzioso con il personale, il Comune ora invece ha ha avviato pure la contrattazione per l’anno 2018. “La nuova organizzazione del Comune si sviluppa – conclude Bolzoni – su tre percorsi: nuova informatizzazione dell’ente; l’organizzazione della macrostruttura a partire dal segretario generale e dirigenti; e il progetto “Amministrazione di qualità”, che punta allo snellimento burocratico. Proprio in queste settimane abbiamo aderito ad una convenzione ministeriale approntata su questo tema. Va detto infine che la riorganizzazione non è statica e siamo pronti a dei cambiamenti se sarà necessario anche nei prossimi mesi”. Fra le novità in arrivo nei prossimi mesi la completa digitalizzazione delle pratiche e degli archivi.

Alessandro Abbadir

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento