Domenica 25 Cavarzere si colora di blu per promuovere gli alimentaristi artigiani

Domenica 25 marzo in occasione della sfilata dei carri allegorici, Cavarzere si colorerà di blu grazie a 1000 palloncini che Confartigianato Cavarzere e Cona donerà a tutti bambini e alle loro famiglie, per promuovere l’impegno degli alimentaristi artigiani che saranno in piazza.  Gli artigiani di Cavarzere e Cona, saranno così in piazza  con un loro stand. Domenica sarà perciò presente il personale della Confartigianato per dare tutte le informazioni sui propri associati e sui progetti che stanno portando avanti. “Il cibo prodotto artigianalmente – spiegano il Presidente dell’Associazione Roberto Cappello e il Segretario Maria Concetta Brazzo – non solo è un bene irrinunciabile, ma è ciò che contribuisce al nostro benessere.  La passione e l’arte artigianale non può essere confusa con quella industriale, dove il cibo viene fatto tutto uguale e per essere conservato  il più a lungo possibile vengono sfruttate le proprietà degli additivi. Nel nostro territorio vi sono molti artigiani che fanno della loro passione un lavoro e questo si trasforma nel nostro benessere, conoscerli e apprezzarli significa promuovere il territorio e la nostra economia. Ecco perciò  l’invito a comperare il pane fatto dai panificatori che usano farine del nostro territorio o il formaggio fatto nel caseificio che usa il latte delle nostre campagne.  E poi: la pasta fresca che per essere prodotta gli ingredienti sono selezionati uno ad uno o la pizza la cui pasta viene fatta lievitare per 72 ore” .

Ma non ci sarà solo la promozione dei  prodotti alimentari a chilometro zero in piazza a Cavarzere in occasione del Carnevale di domenica. “Abbiamo affiancato a questo progetto- concludono Roberto Cappello e Maria Concetta Brazzo-  gli artigiani dei servizi alla persona acconciatori ed estetiste. Prendersi cura di se stessi vuol dire anche prendersi cura del proprio corpo affidandosi alle cure di professionisti. Anche a Cavarzere  e Cona vi sono persone che svolgono l’attività in maniera abusiva, rivolgersi a loro potrebbe essere equiparato all’assunzione di cibo avariato, poiché i danni che possono creare alla salute a volte sono davvero irreparabili”.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento