Emozioni a ritmo di rap

Come avvicinarsi ai giovani? Perché non usare i loro stessi linguaggi? È quanto ha pensato l’amministrazione di Vigodarzere. Per “intercettare” ragazze e ragazze, i loro bisogni, ma anche i loro talenti e la loro voglia di misurarsi con la novità, ha pensato di portarli …a scuola di rap. Un modo decisamente diverso per riuscire, con la musica, a tirar fuori sentimenti, dalla rabbia all’insicurezza, stati d’animo che gli adolescenti faticano a esternare. A tenere le lezioni di “Progetto Rap” un rapper doc: il trevigiano Federico “Big F” Martino.

Il rapper ha incontrato le classi, raccontando la sua storia. Ai ragazzi ha dato, poi, le info utili per gli incontri successivi durante i quali un gruppo di alunni realizzerà una canzone. L’obiettivo è offrire uno strumento straordinario come la musica per “mettere fuori da sé” un mondo interiore spesso incomprensibile ai ragazzi stessi.

“Il progetto – spiega Monica Cesaro, assessore alle Politiche sociali e all’Istruzione – nasce in continuità con gli incontri svolti negli anni precedenti dalla commissione “Star Bene”. Tutte iniziative attraverso le quali si è cercato di sensibilizzare genitori e ragazzi sui “grandi” temi di un’età delicata e importante. Gli adolescenti spesso sono spaventati dai loro stessi sentimenti e li sublimano attraverso la musica. In modo particolare la musica rap rappresenta la tipologia di sentimenti che gli adolescenti vivono, un genere musicale che rappresenta uno specchio emotivo molto forte”.

I costi degli incontri, gestiti dalla commissione “Star Bene”, tramite il bando regionale “Alleanze per la famiglia”, sono a carico del Comune che ha avviato altri progetti con un filo conduttore ben preciso: lo sviluppo del talento di ogni persona.

(n.m.)

Lascia un commento