“Furbi” dei rifiuti, 174 le irregolarità a Cadoneghe

Credono puntualmente di farla franca. Tanto che a chiamarli “furbetti” par proprio un’esagerazione visto che ormai c’è un grande occhio per tutto che non son riusciti a far fesso. Anche per i trasgressori che conferiscono i rifiuti in modo irregolare nelle isole ecologiche di Cadoneghe. Le telecamere sono ovunque, a maggior ragione in prossimità delle isole ecologiche dove si conferisce di tutto sia all’interno e persino all’esterno anche se son rifiuti comunque ammessi nell’isola ecologica.

Nel corso del 2017 i controlli effettuati dal personale della Polizia dell’Unione presso gli ecocentri del territorio hanno permesso di individuare ben 174 irregolarità, che sono state sanzionate con altrettante sanzioni amministrative (con una media di 50 euro per infrazione), alle quali si aggiungono 4 verbali per illeciti ambientali. Le telecamere in servizio presso le isole ecologiche continuano a dimostrarsi un valido aiuto all’identificazione di chi abbandona rifiuti al di fuori dell’area consentita e permettono spesso di risalire agli autori delle violazioni.

“Ringrazio gli agenti della Polizia Locale, che con l’ausilio della rete di videosorveglianza svolgono un prezioso lavoro di controllo e prevenzione – dice il sindaco Michele Schiavo –. Abbiamo in previsione l’acquisto di altre due telecamere mobili, che faciliteranno ulteriormente l’identificazione dei trasgressori. Le irregolarità aumentano nei periodi festivi, quando aumenta la quantità di rifiuti pro capite e c’è chi, continuando a scambiare gli ecocentri per discariche a cielo aperto, vi abbandona i rifiuti in modo indifferenziato o al di fuori dei compattatori. La presenza di un meccanismo sanzionatorio destinato ai cittadini “distratti” o poco rispettosi del bene comune costituirà sempre più un deterrente verso questi comportamenti, che danneggiano l’ambiente e le casse pubbliche”.

Nicoletta Masetto

Lascia un commento