Le case di riposo fanno squadra

Quattro realtà assistenziali fanno squadra e mettono in comune l’acquisto di beni servizi, la formazione del personale la gestione di servizi aziendali. Nel mese di febbraio il commissario straordinario dell’Istituto rodigino Tiziana Stella, la presidente del Centro Servizi Anziani di Adria Sandra Passadore, il presidente dell’Ipab “Andrea Danielato” di Cavarzere Fabrizio Bergantin e la responsabile del Centro servizi per anziani “Pietro e Santa Scarmignan” di Merlara, Roberta Meneghetti, hanno firmato l’accordo di programma per aggregare alcuni dei servizi comuni tra i quattro istituti.

“È un passaggio storico per valorizzare e razionalizzare i servizi assistenziali per la terza età e per le persone non autosufficienti – sottolinea l’assessore regionale al Sociale Manuela Lanzarin che ha promosso la sinergia –. In questo modo il territorio accoglie le indicazioni della legge regionale di razionalizzazione degli enti sociosanitari e anticipa uno degli orientamenti-chiave della riforma delle Ipab: aggregare e realizzare economia di scala, per contenere i costi e rendere servizi migliori e più efficienti agli ospiti e alle loro famiglie. Come dice il detto popolare “l’unione fa la forza”: quattro istituti che mettono in comune acquisti, servizi gestionali e formazione, potenziano la loro funzione e saranno in grado di generare risorse per un nuovo welfare”.

“Queste sono sempre accordi positivi perché permettono di avere economie di scala e riduzioni di spesa importanti per le Ipab e il territorio – commenta il sindaco Henri Tommasi -. La nostra struttura per fortuna ha bilancio già positivo, ma questo non impedisce, anzi, di cercare tutti gli strumenti per abbattere le spese e dare comunque un servizio migliore agli utenti”.

Giorgia Gay

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento