Linea Mestre-Adria: Bartelle testimone dei disagi

“Anche oggi sono stata testimone dell’ennesimo disservizio sulla tratta Adria- Mestre”. A raccontarlo è, a inizio marzo, la consigliera regionale pentastellata Patrizia Bartelle, che fa sapere: “È stato soppresso senza la previsione della corsa sostitutiva il treno delle 7,15 che doveva partire dalla stazione di Piove di Sacco. Una comunicazione giunta agli utenti che si erano già accomodati all’interno dei vagoni, da parte del personale ferroviario che adduceva a problemi agli scambi situati all’altezza di Campagna Lupia. Questo ha fatto sì che tutta l’utenza si è riversata nel treno successivo, quello delle 7,47 proveniente da Adria. Così ai cittadini della corsa delle 7,47, si sono sommati gli appiedati delle 7,15”.

“Se non bastasse- prosegue nel racconto la consigliera – proprio all’altezza di Piove di sacco, dovevano salire due classi di studenti delle scuole medie, che con congruo preavviso avevano comunicato la loro presenza in questa data. In merito alla vicenda – prosegue la Bartelle – una delle osservazioni delle insegnanti è stata: l’insegnamento acquisito dai ragazzi in questa situazione è che stare alle regole (quelle imposte di comunicare la presenza di comitive organizzate) non è servito a nulla”. “Per mettere la classica ciliegina sulla torta, una ragazza di 22 anni, a causa dell’affollamento, all’altezza della stazione di Mestre ha avuto un malore.”.

Una volta giunta a Venezia, la consigliera Bartelle ha informato dell’accaduto l’assessore De Berti, invitandola nel contempo alla riunione pubblica che verrà organizzata a Piove di Sacco: “Ora basta con i disservizi ferroviari ai cittadini, ho deciso con gli utenti presenti sul treno di convocare un’assemblea pubblica a Piove di Sacco in sinergia con le autorità civili locali, alla quale saranno invitati l’assessore regionale De Berti e il direttore di sistemi territoriali Gambato”.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento