È nata la conferenza dei sindaci del litorale

Nasce la conferenza dei sindaci del litorale veneto, uno strumento per la valorizzazione e lo sviluppo delle peculiarità delle spiagge venete. Il Comune di Porto Tolle, dopo la firma nel 2013, del protocollo d’intesa per la tutela e la valorizzazione turistica e ambientale della Costa Veneta, ha sottoscritto qualche settimana fa, l’atto costitutivo della conferenza dei sindaci del litorale Veneto. Una firma che ufficializza un territorio con circa 38mila imprese con chiara vocazione turisticaricettiva che, secondo i dati del settore, ha accolto negli ultimi anni quasi la metà dei turisti che hanno soggiornato in Veneto.

“Si tratta di fatto di un’alleanza strategica con i comuni della costa veneta, i rodigini Porto Tolle, Porto Viro e Rosolina, e i veneziani, Cavallino-Treporti, Caorle, Chioggia, Eraclea, Jesolo e San Michele al Tagliamento – fa sapere il vicesindaco Mirco Mancin -. Enti pubblici che presentano problematiche legate al turismo e al suo sviluppo, come viabilità, trasporti e sviluppo urbanistico dell’area, promozione turistica, erosione costiera e demanio. Argomenti diversi per i quali saranno organizzati tavoli tematici, nei quali i comuni e gli stakeholder potranno confrontarsi e affrontare quindi le varie problematiche”.

Insomma un nuovo strumento riconosciuto dalla Regione Veneto, che prevede la conferenza dei sindaci del litorale Veneto e il consiglio direttivo, che permetteranno ai comuni di lavorare per obiettivi mirati con la stesura di progetti di sviluppo per i quali si potranno richiedere finanziamenti pubblici”. “Questo coordinamento tra comuni servirà a valorizzare le caratteristiche specifiche delle spiagge venete che diventeranno un punto di forza per la promozione a livello internazionale. Per i primi interventi – conclude Mancin – bisognerà aspettare il secondo semestre del 2018”.

Guendalina Ferro

Lascia un commento