Piove di Sacco, nuova scuola Regina Margherita: ci siamo quasi

Consiglieri comunali in visita a fine febbraio alla scuola media in costruzione a Sant’Anna. La posa della prima pietra della nuova Regina Margherita, che prenderà il posto del vecchio plesso di via Castello, era avvenuta giusto un anno fa. Un’opera da 3 milioni di euro, reso possibile grazie ad un sostanzioso finanziamento europeo che il Comune è riuscito ad aggiudicarsi per la bontà del progetto.

“Si è trattato – spiega il sindaco Davide Gianella – di una veloce ricognizione del cantiere riservata a tutti i consiglieri comunali. La scuola è pressoché finita, mancano ancora qualche piccolo ritocco al fabbricato e il completamento delle aree esterne. Si tratta di un edificio curato in ogni piccolo dettaglio e con tutti i confort di ultima generazione che, oltre ad essere colorato e moderno, punta sulla domotica e su elevate prestazioni energetiche”.

Sarà in uso dal prossimo anno scolastico. “I numeri delle iscrizioni – continua il sindaco – confermano un grande entusiasmo contrariamente agli scenari cupi presentati da gufi e detrattori. Partiremo con quattro sezioni già tutte complete. Questa è la dimostrazione che sono anche le infrastrutture e le opere pubbliche, oltre alla qualità dei servizi, che qualificano una città. Stiamo investendo nello sviluppo della parte nord della città, che conta ormai quasi sei mila residenti. Sant’Anna sta diventando un quartiere moderno che segue uno sviluppo intelligente al contrario del passato quando era terra di conquista di speculazioni di bassa qualità”.

La novità di giornata riguarda poi la toponomastica della nuova strada che porterà alla scuola e che fungerà da collegamento tra via Parini e via Petrarca. Il cantiere aprirà a breve visto che proprio in questi giorni si sta assegnando l’appalto. “La via che porterà alla Regina Margherita – anticipa il sindaco – che si caratterizza per un apprezzatissimo e frequentatissimo indirizzo musicale, sarà intitolata a Fabrizio De André, grande musicista e poeta”.

Alessandro Cesarato

Lascia un commento