Ponte San Nicolò, parte il cantiere per la rotatoria in via Roma

Da qualche settimana è partito il cantiere per la realizzazione della rotatoria in via Roma, all’incrocio con via Palermo e via San Francesco. Si tratta della prima rotatoria che viene costruita lungo la strada statale 516 Piovese che attraversa tutto il territorio di Ponte San Nicolò collegandolo a Padova da un lato e a Legnaro dall’altro. L’opera dovrebbe vedere la luce nel mese di maggio; i tempi sono stati studiati con l’impresa costruttrice in modo che le finiture siano svolte nella stagione primaverile che consente migliori asfaltature.

“I vantaggi che la nuova rotatoria porterà alla viabilità – spiega l’assessore alla Viabilità e Trasporti, Marco Bortolazzi – sono numerosi. Oltre a permettere l’accesso ai residenti di via San Francesco, che attualmente utilizzano via Milano e via Martiri di Cefalonia per immettersi nell’asse stradale, l’opera sarà utile a tutti i residenti dei quartieri a nord della statale che ora utilizzano via Palermo per inserirsi nella stessa, evitando così gli attuali interminabili incolonnamenti che si formano nelle ore di punta. Inoltre servirà a rallentare le auto che nelle ore di minor traffico tendono a sfrecciare lungo la Piovese”.

Ci sono voluti anni di incontri per far sì che venissero superati tutti gli ostacoli tecnici e si trovasse un punto di convergenza sulla realizzazione dell’opera. Il nulla osta è arrivato a marzo dell’anno scorso e, poco dopo, è stato approvato anche il progetto esecutivo. Il costo totale di realizzazione è di 328.000 euro, parte dei quali saranno finanziati dalla Regione Veneto.

“La spesa comprende anche lo spostamento di tutti i sotto-servizi e allacciamenti – prosegue l’assessore – la realizzazione di un idoneo impianto di illuminazione, degli attraversamenti pedonali luminosi, della realizzazione dell’aiuola centrale e relativo impianto di irrigazione, dell’installazione di transenne “parapedonali” di pregio, dell’asfaltatura di cento metri di strada a monte e a valle della rotatoria stessa, e di molte altre opere secondarie. La spesa sarà parzialmente coperta grazie anche all’aggiudicazione di un bando regionale che il 14 aprile 2017 ci ha assegnato per quest’opera 98.000 euro”. Oltre a questa rotatoria, ne sono in progetto altre tre lungo la statale.

“L’anno prossimo dovrebbe partire la progettazione per la rotatoria in corrispondenza di viale del Lavoro – conclude l’assessore – mentre sono stati ripresi i contatti con la nuova amministrazione di Padova, dopo l’ostruzionismo della precedente, per la rotatoria in corrispondenza tra le vie Rossa (Ponte San Nicolò) e Pizzamano (Padova). La più problematica è quella all’incrocio con via Garibaldi dove gli spazi sono molto più ridotti considerate le esigenze di Anas. Per la realizzazione di quest’ultima, sarà necessario un progetto più invasivo o che la statale sia declassata a regionale per avere parametri meno stringenti di quelli attuali”.

Eliana Camporese

Lascia un commento