Salzano, carta d’identità elettronica e defibrillatori a servizio dei cittadini

Dal 5 febbraio l’ufficio anagrafe del Comune rilascia la nuova carta d’identità elettronica, un primo passo nella trasformazione digitale dei servizi resi al cittadino. “La nuova Cie aumenterà il livello di sicurezza del vecchio documento, adeguando così il nostro Comune agli standard europei. Il plauso – afferma il sindaco Luciano Betteto – ai dipendenti degli uffici comunali per l’efficienza con la quale hanno attivato in breve tempo un servizio così delicato e importante per i nostri residenti”.

Da inizio febbraio, la nuova carta d’identità elettronica sostituisce effettivamente l’attuale documento cartaceo, che non potrà più essere rilasciato, se non in casi particolari. La tessera prodotta dall’Istituto Poligrafico e dalla Zecca dello Stato, garantisce un livello di sicurezza molto alto e questo, in un’epoca storica, dove la falsificazione è all’ordine del giorno, risulta essere un passo avanti verso la sicurezza e la privacy di ciascuno. Come con la vecchia carta d’identità, è possibile esprimere il consenso alla donazione degli organi e dei tessuti post mortem.

Oltre all’impiego ai fini dell’identificazione, la nuova carta d’identità può essere utilizzata per richiedere una identità digitale sul sistema Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale) che garantisce l’accesso ai servizi erogati dalle pubbliche amministrazioni, dal fisco all’Inps ai bonus del Governo. Le novità per i salzanesi, in questo inizio di Marzo, non finiscono qui. Grazie ad una donazione della centrale operativa 118 di Venezia Suem, sarà installato dall’amministrazione comunale un nuovo defibrillatore con teca riscaldata in centro a Salzano, all’esterno della farmacia comunale.

“Grazie a questa iniziativa – commenta il sindaco Luciano Betteto – il territorio comunale sarà dotato di un’attrezzatura da utilizzare in caso di emergenza sanitaria, offrendo una possibilità in più di salvare vite umane. Un ausilio indispensabile per la sicurezza e la salute dei cittadini, a disposizione di tutti”. “Un sentito ringraziamento a nome dell’amministrazione comunale- concude Betteto- alla centrale operativa 118 di Venezia e al direttore dottor Paolo Caputo, a tutti gli operatori del Suem che prontamente e con grande preparazione intervengono ogni giorno sulle tante emergenze anche gravissime che si trovano ad affrontare. La nostra gratitudine alla farmacia comunale per lo spazio messo a disposizione nel porticato all’esterno dei locali di via Roma”.

Anna Michieletto

Lascia un commento