Un T-red e due autovelox lungo la Romea di Chioggia

Sicurezza sulla Romea, nel tratto che attraversa il comune di Chioggia entreranno in funzione a breve due autovelox e un T-red. L’installazione dei dispositivi elettronici è stata annunciata a fine gennaio. I rilevatori di velocità verranno collocati rispettivamente sul ponte translagunare, dove il limitite di velocità è fissato a 90 km orari, e uno in direzione Venezia, all’altezza di Sant’Anna all’incrocio con la vecchia Romea, dove ha adottato ritornando sui propri passi, è motivata dalla necessità di garantire una certa sicurezza su quel tratto stradale, in attesa di interventi significativi. Non ha l’obiettivo di “fare cassa” spiega il vicesindaco Marco Veronese anche se lo stesso ricorda che il 50 per cento degli incassi dalle sanzioni verranno utilizzati dall’amministrazione per migliorare la manutenzione delle strade extra comunali. non si potranno superare i 70 km orari. Il T-red invece verrà collocato al semaforo dell’incrocio di Sant’Anna, rappresenta un dispositivo di ultima generazione che consentirà – come ha spiegato il comdandante della Polizia locale Michele Tiozzo – di rilevare le infrazioni in modo più preciso, non solo attraverso un’unica immagine, come accadeva con i vecchi impianti, ma una sequenza delle stesse, in modo da dimostrare in modo inequivocabile il passaggio col semaforo rosso. Il noleggio, per due anni, degli autovelox costerà alle casse del Comune 122mila euro, il T-red 144mila euro annui, somme che, è stato calcolato, saranno facilmente ammortizzate dall’introito derivante dalle sanzioni che potrebbe arrivare ad un milione e 200mila euro annui. Per lo meno è quanto previsto dalla Polizia locale in base ad un calcolo statistico, fornito dal vicino Comune di Mira, dove sono installati analoghi sistemi di controllo della velocità. La decisione, che in un primo tempo l’amministrazione pentastellata aveva respinto e che poi ha adottato ritornando sui propri passi, è motivata dalla necessità di garantire una certa sicurezza su quel tratto stradale, in attesa di interventi significativi. Non ha l’obiettivo di “fare cassa” spiega il vicesindaco Marco Veronese anche se lo stesso ricorda che il 50 per cento degli incassi dalle sanzioni verranno utilizzati dall’amministrazione per migliorare la manutenzione delle strade extra comunali.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento