Vigodarzere, sei casi in pochi giorni “è emergenza abitativa”

Una madre con un figlio, tre coppie con bambini, una coppia di anziani, due uomini che vivono soli. Potrebbero tutti finire su una strada se non si troverà una soluzione all’emergenza sfratti. A lanciare l’allarme l’assessore alle Politiche sociali Monica Cesaro che ha anche la delega per le politiche a favore della casa.

L’assessore Cesaro è in prima linea per andare incontro alle persone che hanno maggiormente bisogno non solo sul fronte dell’emergenza abitativa, e nello specifico, proprio nei confronti di questi sei nuclei famigliari che rischiano di trovarsi senza un tetto, ma anche in fatto di aiuti e sostegni a famiglie che si trovano in stato di necessità per la perdita del lavoro di qualche componente. O ancora: l’impegno del Comune è rivolto sempre di più ad anziani che vivono da soli con una pensione sociale con cui non riescono ad acquistare farmaci e beni di prima necessità. Purtroppo il mese di marzo si annuncia “caldo”: sei gli sfratti previsti nelle prossime settimane. Il Comune, però, non ha attualmente alloggi pubblici disponibili da poter destinare a queste persone. La richiesta è quella rivolta a privati, proprietari di alloggi sfitti disponibili, di metterli a disposizione.

“Stiamo cercando soluzioni, ma sono davvero numerosi i casi ormai a rischio concreto di sfratto – afferma l’assessore Cesaro –. In passata si era già verificata una emergenza analoga: all’epoca abbiamo utilizzato la formula del cohousing, vale a dire la convivenza tra persone diverse. In particolare, abbiamo messo sotto lo stesso tetto una signora e una madre con un figlio minore. Tutto era stato possibile grazie alla disponibilità di Ater che ci aveva assegnato in gestione uno dei suoi appartamenti in via Galilei a Saletto. Ma non sempre si tratta di una soluzione. Infatti è necessario trovare persone che abbiano la capacità di adattarsi alla convivenza. In questo momento la preoccupazione più grande è di riuscire a reperire alloggi anche temporanei”.

(n.m).

Lascia un commento