Zaia: “Olimpiadi 2026, si scrive Cortina si legge Dolomiti”

“L’Olimpiade delle Dolomiti, che, nel nome di Cortina, sappia superare confini provinciali e regionali, mettendo insieme l’enorme e vario patrimonio ambientale, culturale e organizzativo di tante comunità, capaci di unirsi per proporre una seria, consapevole, equilibrata e lungimirante candidatura di un evento sportivo di risonanza mondiale”. Ribadendo questa prospettiva e questi princìpi, il presidente Luca Zaia ha trasmesso al sindaco di Cortina d’Ampezzo la delibera, approvata ieri dalla Regione del Veneto, a sostegno della manifestazione di interesse della città bellunese alla candidatura a ospitare i Giochi Olimpici Invernali del 2026.

“Entro il prossimo 31 marzo – prosegue il governatore veneto – il Comitato Olimpico nazionale deve inviare una lettera formalizzando il proprio interessamento al CIO e io mi auguro che tutti siano coscienti dell’importanza della candidatura di Cortina come occasione irripetibile per la valorizzazione internazionale dell’intero territorio che ospiterà i Giochi. Le Dolomiti vantano già oggi un notevole patrimonio di impiantistica sportiva, presupposto per realizzare una manifestazione in chiave totalmente “sostenibile”, sia sul piano economico che su quello ambientale, in ottemperanza alle raccomandazioni in materia di sostenibilità espresse nell’Agenda Olimpica 2020”.

“I XXV Giochi Olimpici e i XIV Giochi Paralimpici invernali del 2026 – conclude il presidente Zaia – potrebbero aver nome Cortina, ma si dovrà leggere Dolomiti”.

Lascia un commento