Amministrative a Piove di Sacco: Davide Gianella tenta di fare il bis

La conferma era nell’aria ma ora è ufficiale: il sindaco Davide Gianella si ricandida alla guida della città. Il trentasettenne avvocato, sposato e con una figlia, ha sciolto le riserve ed è pronto alla nuova sfida. Anche contro la Kabala visto che Piove di Sacco, in epoche recenti, non ha mai confermato il sindaco uscente. E’ anche vero che il Comune non era mai stato commissariato, lasciando una situazione difficile come quella che l’amministrazione uscente ha trovato nel momento del suo insediamento. Ripartirà accompagnato dalla stessa squadra che lo ha collegialmente sostenuto in questo lustro e che si è dimostrata compatta e determinata a percorrere un cammino comune. Un’amministrazione di centrosinistra, per certi versi non allineata su temi delicati come ad esempio quello dei rifiuti, e che ha saputo oggettivamente distinguersi nel panorama provinciale. “Le cose migliori – esordisce Gianella – si sono ottenute in gruppo rivolgendo l’attenzione al bene dei cittadini e a una progettualità di ampio respiro”. Da dove ripartire? “Anche questa volta – dice il sindaco – si partirà dal programma che non è rimasto sulla carta ma che è stato trasformato in un programma di governo ampiamente realizzato. Anche questa volta ci saranno delle squadre di persone che cercheranno di rappresentare tutti. In questi anni abbiamo parlato alla gente, ascoltando le istanze che ci hanno permesso di correggere i progetti in meglio”.

Un programma che poggerà ancora su due pilastri. Da una parte una visione di città moderna, continuando con la progettualità a servizio del cittadino. Dall’altra la sua valorizzazione perché possa diventare sempre Piove di Sacco più attrattiva. “Continueremo – aggiunge – ad affrontare tutti i problemi che la situazione di inerzia che abbiamo ereditato ci ha lasciati. Non ci siamo mai tirati indietro. Questo modo responsabile di agire ha permesso a Piove di riconquistare il ruolo di punto di riferimento che aveva perso non solo nell’ambito della Saccisica, ma di tutta la Provincia”. I risultati delle recenti elezioni politiche sono stati chiari, con la Lega che ha fatto la voce grossa. “Sono sereno – conclude – perché credo che alle amministrative, dove ancora conta il peso delle persone, la partita sia aperta. Riparto da quello che sono stato e con coerenza sono rimasto”.

Alessandro Cesarato

Lascia un commento