Portotolle: niente tagli alla sanità

“Per il panorama generale che si sta definendo con la riorganizzazione delle Ulss voglio nuovamente rassicurare che Porto Tolle non è ferma a guardare.” Sono le parole dell’assessore Leonarda Ielasi: “Con il comitato dei sindaci e la nuova dirigenza si lavora a stretto gomito affinché il nostro distretto veda conferma dei servizi che nel tempo si erano conquistati a fronte di puntuali necessità rilevate da criticità peculiari del territorio”.

Secondo i dati forniti dall’assessore, dopo l’unificazione delle Ulss il servizio di cardiologia sarebbe assicurato almeno due volte la settimana, invece di una volta ogni quindici giorni come recentemente dichiarato dalla consigliera Silvana Mantovani. Mentre sarebbero sospesi solo due servizi: quello di oculistica e quello di dermatologia. “Il primo perché in questo periodo manca lo specialista, per il quale si sta provvedendo alla sostituzione” si legge nella nota. Il secondo servizio, secondo l’assessore, sarà ripristinato. Nessuna traccia nei documenti forniti dall’assessore sui servizi ortopedia e psichiatria, forse compresi in altre voci citate nella nota. Non sono ben specificati. Vero è che dopo l’unificazione delle Ulss 18 e 19, la sospensione di un servizio sanitario provoca di fatto un disservizio ai cittadini, i quali, o attendono il ripristino del servizio a data da destinarsi oppure percorrono chilometri per spostarsi nelle strutture ospedaliere vicini: Porto Viro, Adria, Rovigo, Trecenta”.

(gu.fe.)

Lascia un commento