Barbara Carobbi, la candidata grillina a Piove di Sacco

Per le amministrative del prossimo 10 giugno è spuntato il nome di Barbara Carobbi, scelta dal meetup cittadino degli Amici di Beppe Grillo come propria candidata alla carica di primo cittadino.

Ma chi è Barbara Carobbi? Quarantaseienne toscana, da quasi una decina di anni abita in città insieme al marito veneziano e una figlia di cinque anni. Medico veterinario, la professione l’ha portata per molto tempo a lavorare tra Stati Uniti e Inghilterra. “Nel 2008 – racconta – mi ha chiamata, come ricercatrice, l’Università di Padova e così sono rientrata in Italia. Dopo tanto girare ho scelto Piove per mettere le mie radici”. Ora è docente universitaria nella sede di Legnaro.

Sebbene tutt’altro che appariscenti, i simpatizzanti pentastellati sono quindi attivi anche in città. “Il gruppo – continua – è attivo già dal 2012 e nel corso degli anni è stato effettivamente fatto un lavoro sottotraccia ma continuo. Dallo scorso settembre abbiamo poi iniziato a pensare seriamente alle elezioni, cominciando a lavorare sul programma, ad incontrare le associazioni e a fare il punto su quelle che sono le problematiche più sentite dai piovesi e che meritano maggiore attenzione. A scegliermi è stato il gruppo, con una votazione interna”.

Da dove nasce questa vocazione civica? “Mi sono sempre piaciute – scherza – le lamentele, ma costruttive. Nel corso degli anni ho poi iniziato a chiedermi come posso contribuire effettivamente e direttamente a migliorare la realtà che mi circonda. Ho trovato un gruppo che condivide le mie idee e che ha competenze. Gente nata e cresciuta qui, che vive la città e che non ha intenzione di utilizzare le elezioni come trampolino per una carriera politica ma esclusivamente come occasione di impegno per il territorio”.

Il sogno è quello di costruire un vero filo diretto con i cittadini, di ascoltare le esigenze delle persone e di essere un sindaco a servizio della comunità. “Faremo una campagna elettorale – aggiunge – propositiva e non basata sulle contrapposizioni politiche che, a livello locale, credo siano dannose. Secondo noi c’è bisogno di fare ripartire una città che ci appare ferma dal punto di vista economico, culturale e turistico. Difenderemo l’ospedale, punteremo a potenziare l’offerta di asili nido e a valorizzare le frazioni che in questi anni non sono state adeguatamente “coccolate”.

Alessandro Cesarato

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento