Home Veneto Attualità Digitalizzazione, Forcolin: "Vogliamo un Veneto tecnologico"

Digitalizzazione, Forcolin: “Vogliamo un Veneto tecnologico”

“Una delle precondizioni indispensabili per lo sviluppo di una società e di un’economia più digitale è una diffusione omogenea ed approfondita della cultura digitale. Come Regione stiamo mettendo a disposizione gli strumenti tecnologici per procedere in questa direzione, ma è necessario che tutti, amministrazione pubbliche, imprese, cittadini, sappiano usarli se davvero vogliamo semplificarci la vita. Il nostro obiettivo è di avere un’amministrazione pubblica sburocratizzata in un Veneto tecnologico”.

È la strategia ribadita dal vicepresidente della giunta regionale Gianluca Forcolin a Padova in occasione del Festival Galileo, all’interno di un momento di confronto con tre associazioni di volontari impegnati sul tema della diffusione della cultura digitale. Il Movimento Etico Digitale, WhatsNextTalk e Informatici Senza Frontiere hanno raccontato le loro esperienze di diffusione di competenze digitali verso i giovani, le donne, e i pensionati.

Ringraziando tutte le associazioni di volontari, che con grande passione e professionalità si impegnano su questo tema, il vicepresidente ha annunciato che la Regione del Veneto, nell’ambito dell’Agenda Digitale 2020, pubblicherà quest’anno un bando destinato alle amministrazioni comunali, con una dotazione finanziaria di 7 milioni euro di risorse Fesr-Por 2014-20, proprio con l’obiettivo di favorire l’apertura e sostenere le attività di nuovi luoghi di acculturazione e sperimentazione digitale: gli Innovation Lab.

Con quest’ulteriore azione, ha spiegato, si parte dalle esperienze e dalla rete delle iniziative già avviate sul territorio veneto, come i Fab Lab per le imprese e i punti di formazione digitale presso i comuni (i P3@) pensati per aiutare la gente, per realizzare centri in cui i singoli cittadini, ma anche gli artigiani, gli imprenditori e i dipendenti pubblici possano impratichirsi e sperimentare l’innovazione digitale.

“Sicuramente – ha concluso il vicepresidente – anche il mondo associativo avrà un ruolo importante in questa importante iniziativa dell’Agenda Digitale del Veneto 2020”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news