Home Padovano Padova Est Sicurezza, protocollo con la Procura per lanciare il “Controllo di Vicinato”

Sicurezza, protocollo con la Procura per lanciare il “Controllo di Vicinato”

È prevista per il mese in corso la sottoscrizione tra Comune di Noventa Padovana e Prefettura di Padova del protocollo relativo al “Progetto Controllo di Vicinato”. E così anche Noventa, come altri Comuni limitrofi, decide di aderire a un sistema che sensibilizza i cittadini a segnalare alle forze dell’ordine movimenti sospetti e anomalie nei pressi delle abitazioni.

“Il progetto dell’Associazione Controllo di Vicinato – riferisce l’assessore alla polizia locale e sicurezza Silvia Bernardo – a cui l’amministrazione guardava con interesse da tempo, è diffuso in svariati Comuni d’Italia; da circa due anni sta cominciando a prendere piede nella provincia di Padova, motivo per il quale a settembre 2017 è stato firmato da parte di quattro Comuni dell’hinterland padovano il ‘Protocollo sul Controllo di Vicinato’ con la prefettura di Padova, che finalmente anche qui ha dato uniformità nell’applicazione del progetto e introdotto un controllo pubblico sull’attuazione dello stesso”.

Il controllo di vicinato, già adottato nel Comune di Strà con cui è in essere la convenzione per il servizio di polizia locale, punta a realizzare un più ampio sistema di sicurezza urbana aumentando il senso civile, indispensabile a contrastare la criminalità. E lo fa cercando di favorire e migliorare la conoscenza reciproca tra i residenti e rafforzando il rapporto di collaborazione con le istituzioni, promuovendo il rispetto e l’educazione alla convivenza e alla legalità. Migliorando le azioni di prevenzione, aumenta il senso di sicurezza percepito e migliorano vivibilità e qualità di vita. Ogni atto criminale, ha ricordato il comandante della polizia municipale di Strà durante la serata di presentazione del marzo scorso, deve essere sempre seguito da una regolare denuncia agli organi di polizia.

“Con la sottoscrizione del protocollo – prosegue l’assessore Silvia Bernardo – facciamo in modo che l’attuazione del progetto nel territorio di Noventa sia omogenea rispetto ai comuni contermini e supportata, anche dal punto di vista della formazione, da tutte le forze dell’ordine e non solamente dalla polizia locale”. Successivamente alla firma del protocollo, verranno comunicate alla cittadinanza, probabilmente anche attraverso un incontro pubblico, tutte le informazioni sulle modalità di adesione. È un progetto che va già a gonfie vele nei comuni limitrofi del comprensorio, un modo facile ed efficace. Un sistema che in tanti casi è risultato vincente grazie all’attenzione di tante famiglie nel quartiere e alle segnalazioni di movimenti sospetti alle competenti autorità.

Eliana Camporese

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette