Home Padovano Guerre stellari all’ospedale di Piove per curare un giovane paziente

Guerre stellari all’ospedale di Piove per curare un giovane paziente

Da paziente a… super eroe di guerre stellari e la paura del dentista viene dimenticata nella sala dell’ospedale che, per l’occasione, si trasforma… in una nave spaziale. E così Thomas, un ragazzino autistico terrorizzato dal dentista che lo deve operare, in questo viaggio fantascientifico, ispirato alla saga cinematografica “Guerre Stellari”, vestito da Dart Fener, entra in sala operatoria e si lascia curare dall’équipe medica coordinata dal dottor Claudio Gallo.

L’impresa eroica è avvenuta presso il servizio di Odontoiatria di comunità dell’ospedale di Piove di Sacco a cui i familiari si sono rivolti per le cure del giovane Thomas. L’approccio nella prima visita non è stato per nulla semplice e i medici hanno fatto fatica con il ragazzo che appariva emotivamente disperato, così come lo era la famiglia, incapace di trovare una soluzione in una situazione di difficile gestibilità. Anche perché Thomas aveva bisogno di un intervento chirurgico.

“Come sempre – racconta il dottor Gallo – abbiamo chiesto ai genitori se c’era qualche particolare che poteva facilitare la relazione del ragazzo con la nostra équipe”. E’ emersa dunque la sua grande passione per Star Wars, per i personaggi della celebre saga, in particolare per Dart Fener. “A quel punto abbiamo deciso d’inserire il ragazzo in una dinamica comportamentale di Guerre Stellari da svolgere – continua il medico – all’interno della nostra struttura ospedaliera e così facendo Thomas ha iniziato ad effettuare il ruolo di Dart Fener con tanto di vestito e maschera”. Questa dinamica ludica ha creato in Thomas una situazione emozionale così affascinante e piacevole che gli ha permesso di entrare totalmente a contatto con le varie “sezioni” della nave spaziale ospedaliera e poi di affrontare l’intervento con serenità.

“Rassicurare per curare: è la cifra stilistica della storia di Thomas. Nessuna pozione magica, nessun incantesimo, nessuna volontà di spettacolarizzazione, ma l’approccio molto serio offerto dalla Medicina narrativa per aiutare l’assistito a sconfiggere la diffidenza, la paura, l’ansia dell’atto medico-chirurgicoanestesiologico” ha commentato il Direttore Generale dell’Ulss 6 Euganea, Domenico Scibetta. Ora Thomas- Dart Fener sta bene e non ha più quel doloroso mal di denti che ha creato tanti problemi al “super eroe”.

Le più lette