Home Rodigino Delta Otto milioni di euro da Enel al Comune di Porto Tolle

Otto milioni di euro da Enel al Comune di Porto Tolle

 “Entro il prossimo 18 luglio Enel pagherà 8.245.176,30 euro, pari all’imposta Imu 2015 maggiorata di interessi e sanzione dovuta al Comune di Porto Tolle per la centrale di Polesine Camerini”. Ad annunciarlo l’amministrazione comunale in seguito alla conferma arrivata dalla stessa azienda elettrica ai primi di giugno, dopo che il 18 maggio la Commissione tributaria provinciale di Rovigo aveva rigettato anche la richiesta di sospensione del pagamento, che era seguita agli atti di ingiunzione fiscale che l’amministrazione Bellan aveva notificato all’azienda.

Enel ha quindi disposto il pagamento delle somme ingiunte per evitare ulteriori aggravi di spese connesse all’eventuale attivazione della riscossione coattiva. Un’azione che fa seguito al lavoro dell’amministrazione Bellan, che negli anni ha affrontato Enel nelle controversie Imu dopo la decisione del colosso energetico di dismettere 23 centrali nella nostra penisola. “Nel 2015 – ricorda Bellan – avevamo già garantito al Comune di riscuotere le somme per sanzioni che erano ancora inevase rispetto all’Ici già pagata da Enel per gli anni pregressi, e inoltre avevamo definito il contenzioso sull’Imu 2014. Da allora, solo la mia amministrazione ha tenuto testa a Enel e si è cimentata con le nuove norme sull’Imu”. “Enel, diversamente dal passato ha deciso di impugnare anche le ingiunzioni – aggiunge – e di chiederne contestualmente la sospensione. Tuttavia, le richieste dell’azienda sono state sempre rigettate e ora Enel deve pagare con interessi e sanzione”.

Le più lette