I video dei ragazzi di scuola, biglietti da visita della Saccisica

Hanno raccontato il territorio in modo originale, fresco, inedito e accattivante. Lo hanno fatto attraverso dei video che ora diventeranno il biglietto da visita della proposta turistica dell’intera Saccisica. Si è concluso in questi giorni il video contest #lamiaSaccisica, iniziativa promossa nei mesi scorsi dall’Intesa programmatica d’area della Saccisica e rivolta ai ragazzi degli istituti superiori del territorio.

I ragazzi sono stati invitati a realizzare dei video in grado di presentare con un occhio diverso dal solito il territorio in cui vivono. Cogliere da una prospettiva inedita, soprattutto emozionale, valori e caratteristiche, storia, monumenti e tradizione eno-gastronomica attraverso le esperienze dei più giovani, le loro opinioni ed emozioni. L’Ipa, che raccoglie in un unico tavolo Comuni, associazioni di categoria, sindacati e scuole, ha messo a disposizione dei contributi destinati ai tre video migliori. Al primo posto, alla fine, si è classificata la classe 4BS dell’Istituto “De Nicola” (1.000 euro), quindi il gruppo del Liceo Scientifico “Einstein” (600 euro) e al terzo posto l’Enaip (400 euro).

I video vincitori saranno utilizzati nella campagna di comunicazione #lamiasaccisica inserita sul sito www.comunidellasaccisica. com, su tutti i canali web disponibili e condivisa con gli albergatori dei Lidi di Chioggia e Sottomarina. Il video contest è un altro passo verso la realizzazione del progetto che l’Ipa sta portando avanti per lo sviluppo del turismo locale, nella consapevolezza che per fare conoscere e promuovere un territorio è necessario farlo conoscere principalmente ai giovani, rendendoli consapevoli delle potenzialità di quello che li circonda. I video, insieme alla realizzazione della guida “La grande Bellezza”, il lancio del sito internet e di una app, sono tutte azioni tese a fare conoscere e crescere le potenzialità di una terra, la Saccisica, che sempre di più punta su cultura, turismo lento e sviluppo sostenibile.

Alessandro Cesarato

Lascia un commento