Home Veneziano Miranese Nord A Scorzè arriva il meccanico di bici a domicilio

A Scorzè arriva il meccanico di bici a domicilio

Meccanico per biciclette a domicilio, è l’idea lanciata dai fratelli Fardin, gestori della storica attività che ha sede di fronte al Comune di Scorzè. Presi tra mille impegni anche portare la “due ruote” a riparare può diventare un problema: adesso basta chiamare l’officina mobile che opera in un raggio di 10/15 chilometri da Scorzè. Molti interventi di manutenzione possono essere effettuati direttamente nel garage dell’interessato, per i casi più complicati viene invece assicurata la restituzione del mezzo entro tre giorni, salvo imprevisti.

“Il servizio piace – commenta Francesco Fardin – e stiamo ottenendo buon riscontro, presto contiamo di avviarlo anche per Treviso città”. Non solo riparazioni, il furgoncino del meccanico a domicilio può essere chiamato anche per avere una valutazione sul restauro di bici d’epoca: “Non escludiamo in futuro di organizzare un piccolo gruppo di appassionati del ciclismo vintage”, confida Fardin. Senza dimenticare che il servizio a domicilio è particolarmente utile per gli anziani “che spesso – commenta Alessio, l’altro fratello – non hanno i mezzi per trasportare la bici in officina”.

Non più dunque solo le professioni classiche come l’idraulico o il tecnico della lavatrice, oppure la spesa consegnata a domicilio, la pizza o la cena: “Questo è un esempio di come le nostre attività tradizionali, anche artigianali, devono stare al passo coi tempi – commenta il presidente di Confcommercio del Miranese, Ennio Gallo – rispondendo alle esigenze delle persone”. Secondo Gallo l’idea dei fratelli Fardin potrebbe avere una interessante applicazione nello sviluppo del cicloturismo.

“Penso in modo particolare alle comitive di cicloamatori che soggiornano nelle nostre zone e nelle nostre strutture ricettive – conclude il presidente di Confcommercio del Miranese – il servizio di pronto intervento per riparare la bicicletta può rivelarsi davvero una marcia in più per migliorare l’accoglienza del nostro territorio”.

Elena Callegaro

Le più lette