Home Veneziano Cavarzere Cavarzere, taglio del nastro per la nuova “Danielato”

Cavarzere, taglio del nastro per la nuova “Danielato”

“Dopo sette anni di lavoro, di sacrifici, di pazienza e tanta voglia di ottenere un risultato, inauguriamo il nuovo Ipab; una struttura all’avanguardia e che sicuramente permetterà ai nostri anziani di poter riposare ancora meglio, grazie anche ai nostri operatori e professionisti che giornalmente lavorano per il benessere dei nostri ospiti”. Esordisce così Mauro Badiale, direttore dell’Ipab Danielato di Cavarzere, all’inaugurazione dello scorso 4 luglio presso la nuova struttura, dove era presente anche il presidente della Casa di riposo cavarzerana Fabrizio Bergantin, l’assessore regionale ai Servizi sociali, Manuela Lanzarin, e il sindaco di Cavarzere Henri Tommasi.

“La parola giusta è “finalmente – ha detto quest’ultimo – perché siamo riusciti dopo sette anni ad ottenere un risultato importante, con ben quattro milioni e mezzo finanziati con fondo di rotazione regionale e che siamo riusciti a sfruttare al meglio. Cavarzere ha una nuova struttura, oltre al fatto che adesso inizierà un processo di sistemazione ed ampliamento di quella vecchia e che fino ad oggi ha dato ugualmente un ottimo servizio. Ma credo che sia giusto anche dare dei numeri che danno l’idea di tutto quello che significa questa casa di riposo: sono stati spesi un totale di otto milioni di euro per tutto l’immobile, avremo la possibilità di avere 90 posti letto, ossia ben 20 in più rispetto alla vecchia struttura per quanto riguarda gli ospiti non autosufficienti, avremo la possibilità di avere un centro diurno con 16 posti letto per persone semiresidenziali, inoltre avremo la possibilità di avere 10 posti per autosufficienti ed, una volta sistemato l’edificio vecchio, ci sarà la possibilità di avere 4 appartamenti nuovi sempre per coloro che non hanno bisogno di continua assistenza”.

“Una serie di servizi di qualità – sottolinea Tommasi – che caratterizzeranno la struttura e che faranno la differenza con le altre limitrofe”. “Vorrei fare i ringraziamenti al Cda ed alla parte politica per questo risultato, ma soprattutto a tutti gli operatori che si sono dedicati in questo importante progetto”.

Stefano Spano

Le più lette