Cna Rovigo: oltre i campanilismi, verso l’area vasta

Alla presenza del vice presidente nazionale di Cna Guerrino Gastaldi parte l’ambizioso progetto di area vasta tra Cna di Rovigo e Padova. Un percorso che va a consolidare una collaborazione già esistente tra i due territori nell’ottica di dare valore aggiunto al mondo della piccola e media impresa.

A darne notizia, oltre all’esponente della presidenza nazionale, David Gazzieri, presidente di Cna Rovigo, Mario Borin, segretario regionale di Cna Veneto, e Alessandro Monini. Un mondo ricco di storia ma di grande attualità con oltre 7mila soci, 220 dipendenti, 25 sedi, per un fatturato complessivo di oltre 13milioni di euro.

“In un momento in cui si ragiona sulle necessità delle imprese di avere servizi sempre più attuali – ha affermato Gazzieri – si è voluto uscire dai tradizionali schemi territoriali e cominciare ad affrontare alcune progettualità importanti. Stiamo dando l’esempio di saper uscire dal mero campanilismo territoriale per rafforzare logiche di sinergie, migliorando la qualità che serve alle imprese, con innovazioni significative”. “Stiamo già collaborando in ambiti legati alla questione degli uffici giudiziari – è intervenuto Monini -, della partita legata ad Acquevenete e dei preziosi interventi della Fondazione della Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo per lo sviluppo della cultura ed economia. Possiamo e dobbiamo rafforzare il nostro ecosistema creando sinergie”.

Serena Di Santo

Lascia un commento