Inaugurata a Mirano la nuova sede del nucleo guardie eco-zoofile dell’OIPA Venezia

Tutela e benessere animale, prevenzione e repressione dei maltrattamenti: questi i concetti chiave
espressi venerdì 13 luglio durante l’inaugurazione della nuova sede del nucleo delle guardie eco-zoofile dell’OIPA
Venezia, ospitata presso la Villa Belvedere a Mirano (VE).

Una nuova sede che consolida e celebra ilrapporto di collaborazione tra le guardie dell’OIPA e l’unione dei sei Comuni del Miranese, che da poco hanno infatti siglato una convenzione per un maggiore impegno verso la salvaguardia degli animali. Le 22 guardie zoofile dell’OIPA, da anni operanti sul territorio, in qualità di polizia amministrativa e di polizia giudiziaria, oltre a sensibilizzare la cittadinanza sulle leggi ed i regolamenti vigenti, svolgeranno servizi di vigilanza volta alla prevenzione e alla repressione di atti di maltrattamento degli animali o di
infrazioni relative ai regolamenti locali e regionali, e ciò in piena collaborazione con le forze dell’ordine.

Alla conferenza stampa hanno partecipato diverse personalità: Andrea Zanoni, consigliere regionale per
la regione Veneto, l’assessore di Mirano Cristian Zara, il Commissario Capo Michele Cittadin,
comandante della Polizia Locale dell’unione dei Comuni del Miranese, oltre che vari agenti tra
Carabinieri, Carabinieri della forestale del CITES, Guardia di Finanza e veterinari dell’ASL del Veneto.

“Questo è un passo avanti per gli animali, un importante risultato fortemente voluto da tutti i Comuni
del Miranese, e renderà la presenza delle guardie zoofile più efficace e capillare – dichiara Andrea
Zamengo, coordinatore provinciale delle guardie zoofile dell’OIPA Venezia – La nuova sede sarà un
punto di riferimento per i cittadini per tutto ciò che riguarda gli animali: abbiamo dato vita al primo
“Sportello Animali” di Venezia, aperto al pubblico ogni mercoledì, dalle 15 alle 18 (contattabile anche al
numero 041 5085951), dove le guardie zoofile potranno dialogare con il pubblico, rispondendo alle
domande, fornendo consigli e ricevendo le segnalazioni”.

Lascia un commento