Santa Giustica in Colle: anche Giulia Spinello tra gli “eroi normali” di Papa Francesco

Alla fine dei 32 pannelli della mostra “Santi della porta accanto”, un’ultima grande tavola. Non reca foto né storie e nemmeno frasi del Papa. Solo nomi, anzi un nome e un cognome. Sono quelli di tanti giovani che, se non sono stati o non saranno santi, di sicuro hanno lasciato un segno: la consapevolezza della chiamata alla santità anche per gli “under 30” di oggi. Eroi normali che, tra l’altro, avrebbero rifiutato questo appellativo.

Tra i nomi citati quello di Giulia Spinello, giovane di Giustina in Colle, morta il 31 maggio 2013 dopo essere stata investita e trascinata per alcuni km da un Suv impazzito. La sua storia (raccontata in maniera toccante e delicata nel libro “Il sogno di Giulia” scritto dalla mamma Marina con la giornalista Cinzia Agostini) è il racconto di una vita normale, felice, impegnata, in parrocchia, negli scout, in famiglia, a scuola e anche nella biblioteca del paese come volontaria. Con lei – in questa esposizione, ideata e realizzata da Gerolamo Fazzini -, altri giovani poco conosciuti, ma grandi testimoni di fede.

Tra i “santi della porta accanto” ci sono, invece, il giudice Livatino, Carlo Acutis, Teresio Olivelli e molti altri. Grande è l’attenzione di papa Francesco per il mondo giovanile. Il Sinodo dei vescovi, convocato per ottobre su “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”, ne è la conferma. La mostra è proposta dall’Associazione Don Zilli e Centro Culturale San Paolo con il Gruppo Editoriale San Paolo. I contenuti sono stati concordati con il Servizio Nazionale per la Pastorale giovanile della Cei. La mostra, che sta girando l’Italia, può essere richiesta anche dalle parrocchie.

Nicoletta Masetto

Lascia un commento