Microclima “salva dipinti” per la chiesa della Salute a Este

Centomila euro per la chiesa della Salute. E’ stato approvato il progetto definitivo per la manutenzione straordinaria della copertura della chiesa della Salute e per il sistema di controllo del microclima interno, che servirà in particolare a preservare i dipinti contenuti al suo interno. Il Comune investirà – sperando in un contributo della Fondazione Cariparo – 98.800 euro per questo intervento. Spiega il sindaco Roberta Gallana:

“Attualmente, la copertura della chiesa presenta evidenti infiltrazioni, in particolare nel corpo principale dell’edificio, costituito dalla sala a pianta ottagonale, la parte di maggior valore perché contiene il pregevole ciclo di opere pittoriche”.

Lo straordinario ciclo pittorico per cui la chiesa della Salute è universalmente conosciuta, realizzato tra il 1649 e il 1721, testimonia la fervida cultura pittorica estense dell’epoca: spiccano, in particolare, tre opere di Antonio Zanchi, la “Presentazione di Maria al Tempio”, lo “Sposalizio della Vergine” e una “Annunciazione”. La giunta comunale ha approvato il progetto esecutivo che prevede la manutenzione straordinaria della copertura e piccoli interventi di consolidamento statico nelle microfessurazioni evidenti.

Sarà inoltre installato un sistema di verifica e controllo del microclima interno per controllare il mantenimento delle condizioni igrometriche delle numerose opere pittoriche contenute all’interno dell’abside, a partire dalle pregevoli tele dello Zanchi. Per ricercare la somma necessaria a portare a termine i lavori, il Comune ha partecipato al bando indetto dalla Fondazione che prevede una compartecipazione al 50 per cento della spesa. La chiesa della Salute è uno dei luoghi simbolo della città: è chiamata così dal 1830 ma è stata eretta nel 1639 sull’area donata da Giovanni Antonio Capovino alla Magnifica Comunità Estense perché lì venisse costruito un oratorio da dedicare alla Beata Vergine dei Miracoli.

(n.c.)

Lascia un commento