Ad Adria i cantieri sono stati riaperti

A pochi giorni dal primo giro di boa dei cento giorni dall’insediamento incontriamo il vicesindaco Adria, con deleghe al Bilancio, Attività Produttive e Sviluppo economico Wilma Moda, per fare il punto su quanto fatto e quanto c’è da fare. 51 anni, nata ad Adria e da 3 anni residente a 1 chilometro dalla città, è impiegata in un’associazione di categoria, nel settore della consulenza previdenziale. Vicesindaco, presentando la sua esperienza politica. “Mi è sempre piaciuta la politica. Sono consigliere comunale molti anni fa per Adria, quando era sindaco Spinello, nel Pd. Poi, 9 anni fa con Omar Barbierato e altri siamo usciti dal partito e abbiamo fondato “Impegno comune”, che poi è diventato Impegno per il bene comune”.

Ora che siede in giunta che è esperienza è?

“È un’esperienza impegnativa, che richiede molto tempo perché la macchina del Comune è molto complessa. Per far qualcosa, bisogna prima capire dove intervenire. E siccome la nostra politica è l’integrazione tra amministrazione e dipendente comune sto incontrando pian piano tutti i dipendenti – che sono oltre cento – per conoscerli e parlarci a tu per tu. Tutti mi dicono, quando li incontro, che è la prima volta che vengono ascoltati così”.

Che situazione ha trovato al suo arrivo?

“Stiamo facendo fatica a far combaciare tutto, è un’emergenza tutti i giorni per la manutenzione per quanto riguarda strade, viabilità, acqua, luce, gas e così via. Scuole, assistenza e si fa quello che si può, con lo Stato che taglia sempre di più e pone dei paletti dai quali non puoi sgarrare. Stiamo facendo molti sacrifici per far combaciare tutto”.

Quali sono state le priorità di questi cento giorni?

“Il primo obiettivo è stato il regolamento per il decoro urbano e quello per i comitati di quartiere. Li stiamo ultimando per esser presentati in commissione e in consiglio comunale. Questi sono obiettivi raggiunti, così come le nomine in casa di riposo, che per la prima volta vedono anche un rappresentante dei famigliari. Non era mai successo”.

Quali i problemi che restano da risolvere urgentemente?

“Direi le strade che non hanno manutenzione, le buche… queste sono le priorità su cui ci stiamo concentrando. I cantieri ad Adria finalmente si sono riaperti. Ora basta passeggiare per Adria per vedere i lavori in corso”.

Giorgia Gay

Lascia un commento