Operazione scuole sicure, Zaia: “La droga si combatte anche con formazione e informazione”

“Formazione e tolleranza zero sono due aspetti fondamentali per combattere il fenomeno della diffusione della droga tra i giovani e nelle scuole. Condivido l’operazione scuole sicure avviata dal Viminale e l’iniziativa di oggi a Treviso per avviare un’azione di prevenzione fondata sulla formazione”.

Lo sottolinea il Presidente della Regione Luca Zaia, intervenendo sul tema del preoccupante abbassamento dell’età di primo consumo della droga, rispetto al quale, oggi in Prefettura a Treviso, si è svolto un incontro fra operatori di Polizia, della scuola e della sanità per mettere in campo un’azione coordinata, composta da interventi di formazione mirata e dall’azione di prevenzione di Polizia all’esterno delle scuole, con il concorso delle Polizie locali.

“E’ fondamentale – aggiunge Zaia – fare squadra da un lato per far capire ai ragazzi cosa rischiano, quanto rischiano e perché, dall’altro per dare la caccia con tolleranza zero agli spacciatori, sempre e ovunque”.

“E’ una battaglia difficile, ma che si deve combattere e si può vincere – conclude il Governatore – mano a mano che i ragazzi, conoscendo il pericolo a cui si espongono, si allontaneranno dalle tentazioni, e che l’azione delle Forze dell’Ordine renderà la vita sempre più difficile, speriamo impossibile, ai seminatori di morte”.

Lascia un commento