A Porto Viro la festa per i 40 anni dei salesiani

Quarant’anni di presenza salesiana a Porto Viro: domenica 23 settembre la ricorrenza è stata festeggiata presso l’Oratorio San Giusto, gestita per l’appunto dai padri salesiani che hanno in cura anche la parrocchia di Scalon. Un momento di festa con tutti quelli che sono cresciuti – o che stanno crescendo – nell’oratorio di via Mazzini e che ha visto la presenza di molti dei salesiani che in questi 40 anni sono passati per San Giusto, dal fondatore (era il 1978) don Giulio Bertazzo, all’attuale don Gianantonio Trenti; don Giuseppe Miele ha invece mandato una lettera dal Madagascar dove è missionario da molti anni. Nel corso della mattinata, una prima parte si è svolta nella sala polivalente gremita, dove le maestre Patrizia e Luciana hanno letto le testimonianze di ragazzi (ora adulti) e sacerdoti; grazie ad esse è stato raccontato come è nato il centro, le difficoltà incontrate lungo i quattro decenni e l’affetto dei molti portoviresi che lì sono cresciuti e vi hanno praticato sport con la squadra del Pgs Calcio dal ’79, e con l’Ellepi Volley.

Per un periodo, negli anni ’90, si era temuto per la partenza dei salesiani da Donada, ed il pericolo fu scongiurato grazie al fermento della cittadinanza che non mancò di sottolineare il suo attaccamento anche con lettere mandate a Roma. Dopo la messa celebrata in pineta, oltre che dai sopracitati anche da don Silvio Ballarini, don Claudio Sponga, don Alberto Maschio, don Carlo Chiarotto, don Nicola Munari e don Massimo Zagato.

Ad evidenziare il ruolo avuto da San Giusto sul territorio ci ha pensato il sindaco Maura Veronese, che a nome della cittadinanza ha consegnato una targa con inciso: “Guidato dall’esempio educativo di Don Bosco, così come il germoglio che porta il frutto, il carisma salesiano ha reso San Giusto l’oratorio in cui ragazzi, giovani e famiglie hanno trovato una casa. Lavorando con umiltà, dedizione e amorevolezza, i salesiani hanno creato un punto di riferimento per l’intera comunità augurandosi che divenga tale a lungo, con orgoglio e riconoscenza la Città di Porto Viro ringrazia”. La conclusione è stata affidata ad un aperitivo sull’onda dei ricordi, alcuni dei quali andati anche ai compianti don Italo Fantoni e don Mario Ottoboni.

Fabio Pregnolato

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento