Erba alta a Zero Branco, l’oppozione all’attacco: “Un disastro”

Erba alta nei parchi pubblici e nelle rotonde: “La situazione, tra primavera ed estate, è stata un disastro”. A sostenerlo è Thomas Venturini, consigliere comunale della lista di minoranza Zero per Zero. “Gli anni scorsi, anche in consiglio, abbiamo fatto presente la disastrosa situazione dei giardini pubblici, invocando la necessità di una puntuale programmazione per lo sfalcio d’erba – prosegue il consigliere -. Per ovviare al problema abbiamo proposto, in questi anni, soluzioni alternative quali il baratto amministrativo, i lavori socialmente utili o di pubblica utilità. Tutte proposte bocciate per problemi tecnici-fiscali e soprattutto assicurativi, ma intanto in alcuni punti del paese, alla faccia delle problematiche assicurative, l’erba è stata tagliata dai privati cittadini”.

Quindi la provocazione. “Sorge una domanda spontanea: che fine ha fatto il famoso bando per cui era prevista la pubblicità nel territorio in cambio dello sfalcio? Era stato battezzato come un bando rivoluzionario e risolutivo che avrebbe dovuto garantire il mantenimento del verde pubblico comunale per un totale minimo di dieci sfalci l’anno e una quota 40 mila metri quadri» chiude Venturini, «era stata definita un’operazione intelligente, a costo zero. Beh, se l’erba dovessero continuare a tagliarla i privati il comune avrebbe davvero un risparmio, a costo zero”.

Alessandro Bozzi Valenti

Lascia un commento