Martellago, liste civiche: “Chiediamo un referendum sull’Unione dei Comuni”

Una posizione chiara rispetto alla permanenza del Comune di Martellago nell’Unione dei Comuni, pugno fermo con Veritas e Actv, e una delibera “no glifosate”: sono alcune delle richieste rivolte al nuovo sindaco Andrea Saccarola dai banchi dell’opposizione.

Ad iniziare da Andrea Marchiori del Movimento Civico Marne Olmo Martellago, ex consigliere 5Stelle, che torna alla carica sull’indizione di un referendum informato “per stabilire una volta per tutte se la strada fin qui intrapresa e recentemente confermata con l’ampliamento delle funzioni ad essa delegate – dice Marchiori – è o non è la migliore secondo i cittadini”. Dello stesso avviso anche Alessio Boscolo di Unione Civica: “è stato approvata un’ulteriore adesione al servizio di gestione dell’Unione dei Comuni, quindi un atto politico – spiega Boscolo – prima ancora però che venissero presentate in Consiglio le linee programmatiche di questa nuova amministrazione.

Di fatto non sappiamo ancora quale sia la posizione su questo tema, anche se la strada intrapresa fino ad ora non promette bene”. Sull’argomento Unione dei Comuni Monica Barbiero (nella foto), l’ex sindaco (sostenuta da Pd, Impegno Comune e il Faro alle ultime elezioni), non ha comunque dubbi: “E’ utile perché si riducono i costi, non son d’accordo sul referendum, si tratta di una partita che deve andare avanti”. Alla nuova amministrazione però il precedente primo cittadino ha da fare un appunto: “Non mi è piaciuto che facciano apparire come loro quello che loro non è – dice Barbiero – penso ad esempio al reddito d’inclusione o all’appalto unico per il verde. Si tratta di informare correttamente i cittadini, non siamo più in clima elettorale”.

E se da un lato Unione Civica lamenta il “ritardo di metodo” nel presentare le linee programmatiche, Marchiori torna a portare l’attenzione su temi toccati anche durante la passata campagna elettorale, dal Pat i Pfas: “chiediamo impegno per bloccare la cementificazione – dice l’ex 5Stelle – mentre sul fronte ambiente serve una campagna di analisi delle acque di falda”. Sulle tariffe Veritas Boscolo aggiunge: “I comportamenti virtuosi hanno fatto risparmiare circa 950mila euro – spiega il rappresentante di Unione Civica – perché allora le tariffe non diminuscono?”. Sempre in tema di rifiuti, per il Movimento Civico servono “telecamere mobili per scovare i furbetti dell’immondizia”.

Elena Callegaro

Lascia un commento