Nubifragi e allagamenti ad Adria

Ieri la città di Adria è stata interessata da fenomeni atmosferici di carattere straordinario, in poche ore sono scesi tra i 60 e 70 mm di acqua, un vero e proprio nubifragio. Già a partire dalle 15:00 l’Amministrazione comunale ha verificato, insieme ad Acquavenete, che le pompe di sollevamento fossero regolarmente in funzione, dato che i tombini presenti nelle zone maggiormente colpite (Via Canaletti, Via dell’Artigianato, Viale Risorgimento, Via Leonardo Da Vinci e molte frazioni) hanno continuato a smaltire l’acqua durante tutta la giornata.

La pulizia di suddetti tombini era stata regolarmente fatta dal magazzino comunale la settimana scorsa. I problemi verificatesi nella giornata sono dovuti a numerosi fattori concomitranti fra cui: i fossi circostanti le zone allegate che non sono stati in grado di ricevere in modo adeguato l’acqua per via della scarsa manutenzione e per via di un non corretto deflusso delle portate idriche e l’annosa mancanza di sottoservizi in molte delle zone indicate, specialmente in Viale Risorgimento e Via dell’Artigianato.

Il primo cittadino Omar Barbierato, insieme a tutta l’amministrazione comunale di Adria, ha espresso “un ringraziamento sentito e speciale ai volontari della protezione civile, ai vigili del Fuoco e ai tecnici comunali e alla polizia locale che nel corso della giornata sono intervenuti per mettere in sicurezza le zone maggiormente colpite e drenare l’acqua in eccesso. Nei prossimi giorni convocheremo un tavolo con tutti i soggetti interessati per stabilire con precisione le cause del problema e avviare i necessari provvedimenti”.

Lascia un commento