Davide Righetto: “Pronto a nuove sfide dopo il titolo”

Nuove sfide per Davide Righetto. Il 18enne di Badoere laureatosi l’anno scorso campione del mondo di karate, quando non era ancora maggiorenne, ha cambiato casacca passando dalla Federazione italiana karate (Fik) alla Federazione italiana judo lotta karate arti marziali (Fijlkam). Un salto importante. Questa ultima, infatti, è affiliata al Coni. E potrebbe presto aprire a Righetto le porte dei gruppi sportivi delle forze armate. Anche se per il momento lui non ci pensa troppo.

“Ho deciso di cambiare federazione per misurarmi con una sfida nuova – spiega –: in questa federazione i titoli che si vincono sono legati a un punteggio per l’eventuale concorso di ingresso nelle forze armate. Ma la cosa è ancora distante. Per il momento mi sto ambientando nel nuovo contesto. Il mio obiettivo oggi è confrontarmi con una realtà diversa rispetto a prima”. I banchi di prova non tarderanno ad arrivare. Il mese prossimo Davide parteciperà al campionato italiano under 21.

“Sarà una tappa del percorso di adattamento”, sottolinea per smorzare le attese. E all’inizio di dicembre ci saranno gli Open della World Karate Federation (Wkf) a Lisbona, in Portogallo. “Non mi sono fissato obiettivi particolari – dice il 18enne – tutte le strade restano aperte”. Nel frattempo continua a studiare. Frequenta la quinta liceo linguistico al Canova di Treviso. Quest’anno avrà la maturità. Bisogna pensare anche a questo. Poi si vedrà. Quel che è certo è che la vittoria mondiale dell’anno scorso l’ha trasformato in una promessa del karate. Anzi, già qualcosa di più. In Irlanda, sede delle gare mondiali Iku, ha battuto tre irlandesi, un atleta della Repubblica Ceca e, infine, uno sloveno. Un percorso netto che l’ha portato sul tetto del pianeta con la conquista dell’Oro individuale nella categoria Cadetti B (sotto i 70 chili). Tra l’altro era arrivato al torneo mondiale di Kilkenny come testa di serie, visto che l’anno prima si era classificato al primo posto agli Europei di Timisoara (Romania). Adesso si aprono nuovi orizzonti. Prima del cambio di federazione, Davide Righetto era un atleta della Nintai Kan Karate di Istrana.

Oggi, invece, è tesserato con la Germinal Karate di Castelfranco. Si è avvicinato per la prima volta alle arti marziali nel 2006, all’età di 6 anni. E da quel momento non ha più smesso. “È stata una passione coltivata nel tempo – conclude – da piccolo non vedevo l’ora di tornare a casa per fare la lotta con mio papà tipo Dragon Ball”. Poi è emersa la stoffa del campione.

Mauro Favaro

Lascia un commento