A Borgoricco nasce il progetto neomamme: uno spazio di confronto, ascolto e sostegno

“Mi fido di te”. Questo il nome di un nuovo progetto promosso dall’assessorato alle Politiche sociali in collaborazione con il consultorio familiare di Camposampiero e rivolto a tutte le neomamme del territorio. Un’iniziativa a sostegno alla maternità che prevede degli incontri settimanali, il giovedì mattina dalle 9.30, in una sala del Centro civico, allestita in modo accogliente, a misura di mamma, con grandi cuscini, un angolo merenda, fasciatoio e spazio bimbi per eventuali fratellini. Presenti agli incontri, oltre alle mamme con i loro bambini, anche un educatore di rete territoriale e un’ostetrica che sono a disposizione per c o n s i g l i , pareri o anche semplicemente per un reale momento di ascolto.

Una vera e propria rete di s o s t e g n o c h e sarà destinata ad allargarsi sia tra le partecipanti – già una ventina dopo i primi due incontri – sia come contributi di figure professionali, sia per attività che saranno decise in itinere sulla base delle richieste e dei bisogni espressi dalle stesse mamme. “È un progetto nel quale credo molto e che è nato proprio da un’emergenza educativa che è emersa sul territorio – ha dichiarato l’assessore ai Servizi sociali Gabriella Boesso –. L’idea è quella di creare un collegamento solidale tra le famiglie che sviluppi un dialogo duraturo negli anni e una rete di collaborazione nella comunità che porti ciascuno a prendersi cura anche dei bambini degli altri, come si faceva un tempo”. La partecipazione agli incontri è libera e non richiede alcuna iscrizione.

“È uno spazio totalmente aperto – ha precisato l’assessore Boesso –. Le mamme possono scegliere di partecipare quando e come vogliono. Anche le tempistiche della mattinata sono assolutamente libere, niente è preordinato e ogni mamma può decidere in autonomia come sfruttare questo spazio, anche solo per chiacchierare in serenità, per avere un po’ di compagnia e ascolto”. Piena flessibilità anche per le destinatarie del progetto. Pensato per le neomamme che hanno partorito nel corso del 2018, il progetto è aperto anche a mamme di bambini più grandicelli e alle mamme di tutto il territorio della Federazione, non solo di Borgoricco.

“Tanto maggiore sarà la partecipazione, tanto più ampia sarà l’occasione di confronto e incontro tra le mamme – ha aggiunto Boesso –. Un’occasione che, mi auguro, cresca diventando un’opportunità permanente di reciproco sostegno anche nelle piccole cose quotidiane”. Un principio di solidarietà che è parte integrante dell’iniziativa se si considera che, grazie al contributo di commercianti e aziende locali che forniscono materiali e allestimenti per gli incontri, il progetto è realizzato a costo zero per le casse comunali.

Monia Pasqualetto

Lascia un commento