Cadoneghe: il vicesindaco si dimette, il sindaco dichiara le dimissioni “irregolari”

Il commento del sindaco di Cadoneghe  Michele Schiavo alle dimissioni di Gastaldon. L’assessore Augusta Parizzi nominata vice sindaco.

Dopo le dimissioni del vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici e al Territorio Mirco Gastaldon prende la parola il sindaco Michele Schiavo che va a sottolineare anche una iniziale “irregolarità” nell’atto stesso. Secondo il primo cittadino infatti le dimissioni presentate lunedì da Gastaldon non sono state dirette al sindaco come invece recita l’art. 29 dello Statuto Comunale, secondo il quale l’assessore è un membro della Giunta che viene nominato dal primo cittadino e a al quale vengono rilasciate alcune deleghe. E’ quindi direttamente a chi ha nominato l’assessore, ossia il sindaco che le dimissioni vanno notificate.

Da qui il commento di Schiavo: “Mi spiace veramente non aver avuto l’onore di ricevere le dimissioni del vicesindaco Mirco Gastaldon personalmente. Anzi in un primo momento non le aveva dirette neppure al Sindaco ma solo alla Dirigenza Tecnica. Probabilmente un errore dato dalla “stanchezza ,dall’indecisione” , non certamente dall’inesperienza della persona. Quindi solo ieri ( mercoledì) ho ricevuto via mail le formali dimissioni- continua Schiavo- senza alcuna “motivazione” e visto comunque l’irrevocabilità delle stesse ho dato seguito alla nomina del vice-sindaco che sarà l’assessore Augusta Parizzi già assessore alle Politiche Sociali. La sorpresa in effetti non è la dimissione dal lungo servizio che l’ing. Gastaldon ha deciso di rassegnare ma è la modalità che contrasta con la sua fine intelligenza”.

Il sindaco poi commenta in particolare le divisioni interne:“ Nella lista del “dispiacere” inserisco e leggo , purtroppo, la continua “dicotomia” e ambiguità che rischiano di tradurre un servizio ,teso al bene comune, in una condotta ricca di orgoglio che potrebbe generare o aver già generato divisioni denunciate da più angoli. L’amministrazione di Cadoneghe- prosegue il primo cittadino- perde una risorsa e di questo ne siamo certi. Nello stesso tempo credo che la “politica” non debba continuare a “lustrarsi” e autoreferenziarsi, ma debba alimentare prospettive e relazioni positive , nuove e scevre da divisioni personali. “Viviamo il Futuro” a Cadoneghe è un programma che non si è mai composto di strette amicizie e non ha mai contemplato responsabilità anonime ,ma grazie allo spirito di squadra ha potuto sviluppare e seminare speranza , ha potuto rispondere anche ad esigenze nate dal passato ed è riuscito senz’altro ad aumentare credibilità negli incontri tra persone. La gelosia , lo sappiamo , può portare anche delusione e considerando anche questi aspetti, nella lista dei dispiaceri inserisco anche la triste volontà di eterna primizia che non è certo un male , ma nemmeno una bussola per una rotta nuova. Cogliendo il valore di questo periodo,- conclude Schiavo- l’avvento , auguro a Mirco, all’amministrazione comunale e a tutta la cittadinanza di continuare a scoprire le promesse di bene e dopo averle incontrate , spenderle con generosità”.

A gennaio intanto, subito dopo le Festività, il sindaco provvederà a nominare un nuovo assessore a cui affidare le cariche finora ricoperte da Gastaldon. Nel frattempo le stesse deleghe confluiranno nella figura del sindaco fino alla nomina del nuovo membro della Giunta Comunale.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento