Padova: il primo tentativo mondiale di corsa nel luogo più freddo della terra

A gennaio Paolo Venturini correrà la “Monster Frozen”

Nei giorni scorsi è stata presentata presso la Sala Europa dell´Ufficio Coordinamento e Pianificazione delle Forze di Polizia a Roma l´impresa sportiva denominata “Monster Frozen”, il primo tentativo di corsa nel luogo più freddo del pianeta: Jacuzia.

A cimentarsi nell´impresa di correre a temperature di oltre -60° sarà Paolo Venturini, Assistente Capo della Polizia di Stato ed atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Oro, il quale sarà accompagnato da due medici del dipartimento di Medicina dello Sport dell’Università di Padova, un traduttore, un accompagnatore e una troupe televisiva italiana, oltre al coinvolgimento di esperti in medicina del freddo dell’Università di Yakutsk.

Svolgere attività sportiva in condizioni climatiche estreme offre la possibilità, infatti, agli esperti della medicina dello sport di testare le reazioni del corpo umano, aprendo altresì nuovi spazi per la ricerca scientifica. Le difficoltà principali derivano dal fatto che il respirare aria così fredda provoca il congelamento delle prime vie respiratorie, problemi ai denti ed agli alveoli polmonari.

Non esiste altresì abbigliamento tecnico da running per proteggere da temperature così estreme, quindi si è provveduto alla realizzazione di nuovi capi o adattarne quelli già esistenti.

La sfida è prevista dal 17 al 22 gennaio, periodo in cui l´atleta correndo proverà ad unire i villaggi di Tomtor e Ojmjakon, luoghi che detengono il record del freddo. Per monitorare e certificare le temperature che verranno affrontate, Venturini indosserà uno speciale termometro che trasmetterà dati via radio ad un computer che certificherà a livello mondiale le temperature ed altri parametri medici.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento