Quinto di treviso: sistemazione del canale Brondi

Niente più rischio allagamenti per le vie Piave e Boiago.

L’intervento deciso dall’amministrazione comunale per la sistemazione del canale Brondi ha infatti l’obiettivo di eliminare l’innalzamento dell’acqua causato da alcune “strozzature” provocate dalle dimensioni non del tutto adeguate delle attuali tubazioni.

Il progetto, attualmente nella sua fase preliminare e le cui opere di realizzazione sono previste da qui ad un anno, prevede infatti di sostituire le attuali condotte aumentando le dimensioni dei tubi per lo scarico dell’acqua, la cui reale portata è per così dire stressata anche dall’immissione proveniente da una condotta che arriva da Treviso. Con l’allargamento delle tombinature verrà quindi risolto il problema di risalita che in molti casi ha creato problemi alle abitazioni di Via Piave e Boiago; in concomitanza con forti precipitazioni in alcuni casi non solo ci sono stati problemi alla viabilità ma anche tracimazioni e allagamenti delle case.

L’intervento verrà realizzato con un investimento di 980mila euro, tutti derivanti dal bilancio comunale 2018, e fa parte della più ampia risistemazione dell’area dell’incrocio “Al Gambero”, che prevede anche la realizzazione di una nuova rotatoria per rendere più fluido il traffico. Le opere di sistemazione delle sede stradale prevedono un leggero spostamento fuori asse della rotatoria stessa, con l’utilizzo di un’area dove al momento sono presenti alcuni edifici privati.

“Si tratta di abitazioni non più utilizzate da tempo – spiegano in Comune – e per la riorganizzazione dell’area sono state previste le procedure di esproprio per pubblica utilità e indennizzo dei relativi proprietari”. Il progetto della rotonda è già stato approvato da Veneto Strade, da cui il Comune di Quinto conta di ricevere un futuro finanziamento rispetto al costo complessivo del piano di risistemazione dell’area.

De.Ba.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento