Rovigo, bene la raccolta differenziata: all’80%

A un anno dall’avvio: ora a Borsea e in centro

Oltre l’80% dei rodigini fa la raccolta differenziata. Sono i dati diffusi dal Comune a un anno dall’introduzione del servizio porta a porta, attivato insieme a Ecoambiente, che ha coinvolto dapprima le frazioni a cui, nei prossimi mesi, si uniranno Borsea e il centro storico.

“Dopo 12 mesi abbiamo raggiunto l’82% di raccolta differenziata, dato medio delle cinque zone fino ad oggi interessate dal servizio, con valori che vanno da un minimo del 79% a un massimo dell’85%” spiega il sindaco Massimo Bergamin, che aggiunge: “La rivoluzione si è compiuta per gradi, coinvolgendo le persone e rendendole consapevoli dell’importanza ambientale e culturale di questa scelta politica strategica”.

“Questi risultati hanno avuto un riverbero positivo anche sul dato generale di raccolta differenziata della città che, dal 52,85% del 2017, si attesta a ottobre 2018 al 58,74%” aggiunge l’assessore all’Ambiente e vicesindaco Andrea Bimbatti.

Soddisfatto anche l’amministratore delegato di Ecoambiente Ivano Gibin: “È un risultato importante, un dato che indica che il progetto è stato tarato con positività. Ora procederemo con Borsea, poi con gli altri quartieri e infine il centro storico”. Per il centro, dice Gibin, non si tratterà di porta a porta, ma di raccolta con i cassonetti intelligenti, mediante chip.

“Per il centro storico abbiamo idee importanti da sviluppare nel 2019, con potenziali isole a scomparsa – spiega-, ma tutto ciò richiede un impegno oneroso e va studiato bene”. Il percorso continua dunque con Borsea dove, dopo un incontro lo scorso 11 dicembre, si replica il 17 dicembre e il 14, 21 gennaio alle 20.30, al centro parrocchiale. Gazebo di Ecoambiente in Piazza San Zenone dalle 9.

Giorgia Gay

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento