La pista ciclabile a Corte nel piovese dopo due anni di lavori

Sono serviti quasi due anni di lavori ma finalmente la frazione di Corte ha la sua pista ciclabile.

Un’opera, attesa da tempo immemore dai residenti, che ha permesso di mettere in sicurezza i pericolosi collegamenti stradali, per pedoni e ciclisti, che congiungono il centro del paese con le località di Sampieri e di Beverare, entrambe poste al di là del fiume Brenta e sino ad ora collegate solo attraverso la pericolosissima Sp 53.

A fine anno è stata posata anche la nuova passerella in acciaio sul Fiumazzo. Un manufatto da quasi 20 metri che collega via Ferrin con via Cima 12. Il cantiere per la realizzazione della pista era partito nella primavera del 2016 ed è avanzato con degli stralci funzionali che hanno permesso al Comune, nel frattempo, di finanziarlo. Da un punto di vista cronologico il progetto era stato inserito per la prima volta nel Piano delle opere pubbliche già alla fine del 2005 ma dovette subire delle modifiche per accogliere delle richieste tecniche richieste dal Consorzio di bonifica Bacchiglione.

“Mancano – precisa il sindaco Davide Gianella – le ultime lavorazioni di dettaglio, compreso un passaggio pedonale protetto ed illuminato che deve essere fatto in gocciolato e termoplastico, che necessita quindi di temperature più miti per la lavorazione. Sarà migliorata anche la rampa che sale sull’argine. Per i primi di marzo l’opera sarà completa. Complessivamente, sono stati investiti quasi 900 mila euro”.

Lascia un commento