Mira: Confcommercio riparte, azzerata la ex gestione

A rischio i posti di lavoro nella ex Ascom. Il Tribunale ha decretato il fallimento di Ascom Servizi, società collegata alla vecchia gestione

Una ripartenza con tante incognite. “Ripartiamo da zero dal primo gennaio 2019 con una sede in centro a Dolo, con il passato vogliamo tagliare definitivamente”.

Queste le affermazioni del presidente provinciale dell’associazione Massimo Zanon insieme al direttore Noemi Simonini alla presentazione nelle scorse settimane della nuova Confcommercio “Città e Riviera del Brenta”. Zanon e i delegati si sono proposti per ripartire dopo le peripezie che lo scorso hanno hanno evidenziato dei debiti della vecchia Ascom di quasi 2 milioni di euro con il fisco per il mancato versamento delle quote previdenziali. Debiti che si assicura ora rateizzati.

Hanno aderito intanto alla nuova Confcommercio “Città e Riviera del Brenta“: l’avvocato Alessandro Biasiolo, Umberto Cogno, Roberto Frezza, Stefano Cacco, Francesco Biasiolo, Elena Bordin, Alberto Saccoman, Alessandro Camporese, Michele Campalto, Massimo Trevisan e Cristian Minchio.

Per il personale (circa 20 persone) nonostante le rassicurazioni dell’ex presidente Ennio Matterazzo, la situazione non è certo rosea. Lo scorso 14 novembre il Tribunale di Venezia ha decretato il fallimento di Ascom Servizi una società collegata alla vecchia gestione. Sono state spedite così a fine novembre 6 lettere di licenziamento alle dipendenti, 4 a Mira e 2 a Dolo. Si apre quindi così un grosso punto interrogativo sul personale che potrà essere assorbito e che dipenderà dal numero “Age 65” vince il Cantagiro degli associati che aderiranno e dalle risorse a disposizione.

Le possibilità vanno dal part time ai licenziamenti (in parte già arrivati). La sede che si utilizzerà a Dolo pare non sarà quella dell’ex Ascom in capo alla figlia dell’ex presidente Ennio Matterazzo, ma probabilmente un’altra. “Vogliamo ripartire – ha detto Zanon – dai commercianti del territorio e tenere vivo il tessuto imprenditoriale ed aggregativo dei nostri centri con l’aiuto delle amministrazioni locali. Vogliamo essere fra un anno un punto di riferimento per il comprensorio, e dar vita al decimo mandamento di Confcommercio della zona”. Alla presentazione hanno partecipato rappresentanze dei comuni di Dolo, Pianiga, Fiesso e Campolongo Maggiore che hanno assicurato grande collaborazione con la nuova associazione.

Alessandro Abbadir

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento