Mirano: la svolta agricola delle nuove generazioni

La storia di Davide Montino, 24 anni di Mirano, che prima di Natale ha inaugurato un punto vendita in centro

Ventiquattro anni e tanto entusiasmo: il ritorno dei giovani in agricoltura ha il nome di Davide Montino, giovane ragazzo di Mirano, diplomato all’Istituto Lorenz, che ha deciso di investire nella terra partendo da zero. L’idea è arrivata nel 2015, quando ha acquistato un appezzamento di terra a Zianigo, 6 ettari dedicati alla coltivazione di orticole, dalle lattughe al radicchio, dai pomodori d’estate ai cavoli d’inverno, seguendo una rotazione delle coltivazioni in base alla stagionalità. Sin dall’inizio Davide ha deciso di praticare la vendita diretta a bordo campo, vendendo solo ed esclusivamente ciò che coltiva.

“La cosa che mi dà più soddisfazione è vedere che la gente apprezza la qualità dei miei prodotti”, spiega Davide con il sorriso di chi ha saputo rimettere in gioco anche i genitori, che si dedicavano a tutt’altro settore. Prima di Natale Davide ha inaugurato un nuovo punto vendita in centro paese, a poche centinaia di metri dalla sua campagna in via Varotara 59/bis. “Mi piace l’idea di avvicinarmi alle persone – racconta – anche se non sono mai mancate in fattoria. Lo scorso anno qualcuno suonò il campanello di casa dopo la messa della mezzanotte a Natale, in cerca del radicchio per il pranzo del giorno dopo. Da oggi in poi sarà sempre aperto”.

Il suo è un punto Campagna Amica di Coldiretti, dove all’interno si trovano solo prodotti agricoli provenienti dall’azienda di Montino e poche altre integrazioni, sempre agricole, come il vino doc proveniente dall’azienda Tomasella Lucia di Pramaggiore, alle farine di mais bianco perla, alla farina gialla macinata a pietra dell’azienda agricola Bressan di Jesolo e presto qualche altro prodotto come il miele e la birra. Il presidente dei Giovani Impresa di Venezia Luca Bertaggia sottolinea: “Ben 55mila giovani italiani hanno investito in agricoltura, sono protagonisti di un cambiamento epocale che vede le nuove generazioni sognare un futuro in campagna”.

Filippo De Gaspari

Lascia un commento