Monselice: attivi i T-Red per chi passa col rosso

Installati al semaforo tra le vie Colombo, San Bellino e Ca’ Oddo e all’incorcio tra via Piave e la strada Statale 16

Sono di nuovo attivi all’ombra della Rocca due t-red, gli apparecchi che rilevano le infrazioni semaforiche. Il primo si trova all’incrocio tra le vie Colombo, San Bellino e Cà Oddo (dove era disattivato da alcuni mesi), mentre il secondo è all’incrocio tra via Piave e la statale 16 (prende il posto di quello che era posizionato prima al semaforo di via Orti, dove ora la circolazione è regolata da una rotatoria): entrambi funzionano da fine dicembre.

In prossimità dei dispositivi si è provveduto a installare un’apposita segnaletica verticale di preavviso. Il comandante della polizia locale Albino Corradin sottolinea che “i dispositivi fungeranno da deterrente per i comportamenti scorretti tenuti da alcuni conducenti che nell’area dell’incrocio compiono salti di corsia o addirittura pericolosi sorpassi. Serviranno a punire gli automobilisti sorpresi ad impegnare l’incrocio quando il semaforo è rosso nella loro direzione.

Incorre in una sanzione, come previsto dal Codice della Strada, anche chi, pur fermandosi con il rosso, blocca troppo tardi il proprio veicolo oltrepassando la linea di arresto tracciata a terra. Va infatti rispettata anche la segnaletica orizzontale”. Spiega il consigliere con delega alla sicurezza Emanuele Rosina: “I tred vengono posizionati lungo le due arterie cittadine principali, caratterizzate da intenso traffico e dove in passato si sono registrati incidenti. Proprio in caso di incidenti saranno utili anche ad avere prove certe per la ricostruzione della dinamica. Il nostro obiettivo non è far cassa, ma salvaguardare l’incolumità degli automobilisti”.

Intanto ci sono novità anche rispetto al tema della videosorveglianza: nelle scorse settimane nei pressi di piazza Mazzini e del museo San Paolo, sono state infatti attivate tre nuove telecamere. “In città siamo ormai a una sessantina di dispositivi, vorremmo arrivare a un centinaio per fine mandato” annuncia Rosina.

Davide Permunian

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento