“Noalesi al Centro” si ripresenterà per aggregare una coalizione alle elezioni

Michele Cervesato è il capogruppo della lista civica “Noalesi al Centro” che dal 2014 è presente in consiglio comunale.

Consigliere Cervesato, che bilancio traccia di quest’esperienza?

“La nostra lista civica “Noalesi al Centro” in questi quattro anni e mezzo di opposizione ha sempre cercato di lavorare per il bene della città. A volte in consiglio comunale abbiamo votato a favore provvedimenti proposti dalla maggioranza, a volte abbiamo votato contrario, motivando sempre le nostre scelte o divergenze amministrative. Un tema che come opposizione da sempre abbiamo contrastato, è stata la realizzazione del campo da calcetto in erba sintetica in via dei Tigli costato all’amministrazione 400mila euro. Dove a questi vanno aggiunti un milione e 800 mila euro circa per la ristrutturazione del campo da calcio adiacente, opera effettuata nel passato. Questa scelta dalla nostra lista civica è sempre stata contrastata in quanto l’area di via dei Tigli non doveva rimanere a destinazione sportiva, ma doveva essere trasformata in residenziale, questo avrebbe permesso al Comune di Noale di recuperare i fondi per potenziare l’attuale area in via De Pol, dove esiste un palazzetto dello sport ed un campo di atletica, unificando e concentrando quindi le attività sportive nell’intenzione di creare proprio un polo sportivo. L’unificazione, per noi oltre ad offrire un maggior vantaggio in termini di strutture, parcheggi, viabilità, avrebbe sicuramente ridotto le spese di gestione”.

Altri aspetti della vostra attività?

“Un altro provvedimento che abbiamo in parte votato a favore, ma poi fortemente contrastato è il recupero dell’area dell’ex Consorzio Agrario. In quest’area è previsto il trasferimento della sede del Consorzio Acque Risorgive, con la costruzione di un edificio di oltre 19.000mc. La nostra lista civica su questo provvedimento ha votato a favore la decadenza del vecchio impianto urbanistico, consapevole della necessità di una riqualificazione di quell’area ormai degradata. Ma non ha condiviso successivamente la proposta della maggioranza di vendita di un’area al Consorzio Acque Risorgive, dove dovrà sorgere il nuovo edificio per la loro sede, a soli 260 mila euro. Non possono essere svenduti quasi 20mila metri cubi di area edificabile anche se l’acquirente è paragonabile ad un ente pubblico. 260mila euro sono il costo di un appartamento a Noale. Si doveva in fase preliminare trattare con il Consorzio con maggiore capacità amministrativa, al fine di recuperare gran parte dei soldi per poter realizzare la nuova biblioteca e finanziare la ristrutturazione quindi anche dell’attuale palazzo Carraro”.

Cosa prevedete per il futuro?

“In vista delle prossime amministrative pensiamo di ripresentare la nostra lista civica “Noalesi al Centro”, sperando di consolidare degli apparentamenti, per presentare una coalizione che possa diventare un’alternativa all’attuale maggioranza, dove la realizzazione della nuova biblioteca sarà uno tra i punti più importanti del nostro programma elettorale.

Eliana Camporese

Lascia un commento