Home Padovano Camposampierese Est Borgoricco, Alberto Stefani: “Il mio impegno a favore dei giovani e del...

Borgoricco, Alberto Stefani: “Il mio impegno a favore dei giovani e del mondo dell’università”

L’annuncio: si potrà assumere nuovo personale per migliorare l’offerta didattica negli atenei

È tra i più giovani deputati dell’attuale Parlamento. Alberto Stefani, nato a Borgoricco dove vive, deputato della Lega Nord, è da sempre vicino ai giovani e alle tematiche che li riguardano.

Stefani, che ha frequentato il liceo scientifico al Newton di Camposampiero e si è laureato in Legge nell’ateneo patavino, è tra i promotori di iniziative che riguardano da vicino proprio i giovani. Dopo essere riuscito, con i colleghi della compagine al governo, a portare a casa più di 2,5 milioni e mezzo di contributi per i Comuni dell’Alta padovana, tra cui Borgoricco, Stefani si è fatto promotore di due importanti iniziative.

La prima è una proposta di legge sugli studenti caregivers, di cui è il primo firmatario alla Camera. “Un’iniziativa che non nasce per caso, ma dal contatto quotidiano con tanti giovani, a partire da Borgoricco, che si trovano ad affrontare questo problema – spiega –. Sono quegli studenti che si prendono cura di un familiare. Ragazzi speciali che vanno tutelati nei loro percorsi formativi. In Italia sono 391mila tra i 15 e i 24 anni, compresi molti che non hanno ancora 18 anni, i ragazzi che forniscono cura, assistenza o sostegno a un famigliare ammalato. Siamo intenzionati a portare avanti questo tema, ne ho parlato col ministro Fontana che ha inserito la questione al punto ottavo delle Linee guida del Ministero”. Come aiutarli? “Innanzitutto riconoscendo loro crediti formativi aggiuntivi e poi aprendo un tavolo con le università per eliminare o ridurre, in questi casi, l’obbligo di frequenza”.

Stefani, al lavoro sia nella I Commissione (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e Interni) sia nel Comitato per la legislazione di cui è segretario, è attento al tema della scuola e dell’Università e, più in generale, della formazione. È stato tra i primi a dare la buona, e attesa, notizia per tanti atenei dello sblocco di fondi per poter assumere. “Finalmente le Università virtuose, come quella di Padova, potranno sbloccare i fondi per assumere personale e migliorare così l’offerta didattica a favore degli studenti – afferma –. Grazie alla sensibilità dimostrata dal ministro all’Istruzione Bussetti, il nostro emendamento inserito nella Manovra consente agli atenei più meritevoli di poter proseguire in quel percorso di crescita fino ad oggi bloccato da dannose norme burocratiche”.

“Se da un lato è stato previsto il blocco delle assunzioni nelle Università fino al primo dicembre 2019, dall’altro però non sono comprese quelle straordinarie – prosegue il parlamentare di Borgoricco –.Ora anche Padova potrà svincolarsi dai paletti che oggi ne bloccano la crescita. Dopo anni di attesa, sarà dunque possibile superare una volta per tutte un’incongruenza tutta italiana. Le Università virtuose devono essere messe nelle condizioni di poter crescere e garantire un’offerta didattica sempre migliore”.

Nicoletta Masetto

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette