Istrana: “Abbandonati in aeroporto in piena notte”

La coppia viaggiava con il bimbo piccolo. È rimasta da sola a doversi cercare taxi e hotel alle tre di notte

Sono stati abbandonati nel cuore della notte in un aeroporto deserto con un bambino di un anno e mezzo. E ancora attendono il rimborso da parte di Ryanair per le spese che hanno dovuto sostenere di tasca propria. È quanto accaduto nel periodo dell’Epifania nello scalo di Palermo a una coppia di Istrana. Un’autentica odissea.

Il volo delle 20 che avrebbe dovuto portarli a casa è prima slittato alle 23 e poi è stato definitivamente cancellato a causa del maltempo. Capita? Sì. Ma il vero problema è arrivato dopo. Una volta sfumato il decollo, la coppia è stata invitata ad andare a ritirare i bagagli per poi essere trasferita in un hotel a spese della compagnia aerea. L’impresa, però, è stata ardua. I due, sempre con il piccolo al seguito, sono arrivati per ultimi. E poi si sono ritrovati in fondo alla coda che si era formata davanti alla biglietteria per cercare di prenotare un volo per i giorni successivi.

Non era stata prevista alcuna corsia preferenziale per genitori con bambini così piccoli. Quando è arrivato il loro turno ormai in aeroporto non c’era più nessuno. E anche il bus Ryanair che avrebbe dovuto portarli in hotel se n’era andato. Così sono stati costretti a chiamare un taxi alle 3 e mezza e a cercare un albergo nel cuore della notte. Pagando tutto di tasca propria. “Ci era stato indicato il nastro sbagliato per il recupero dei bagagli. La nostra valigia, poi, è arrivata tra le ultime. Così ci siamo ritrovati in fondo alla coda davanti alla biglietteria – racconta la 30enne, madre del piccolo – c’erano centinaia di persone. E nessuno ha pensato di prevedere corsie per le mamme con bambini piccoli. Siamo rimasti in fila fino alle 3. È stato disumano”.

Alla fine sono riusciti a prenotare due posti sul volo del giorno seguente per Bergamo. Qui sono stati recuperati dai famigliari. Pure questo si aggiunge ai costi che non erano stati previsti. Adesso hanno chiesto di essere rimborsati. Ryanair, però, non ha ancora riposto.

Mauro Favaro

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento