Ponte San Nicolò: “Ho lasciato il Comune in salute”

Si fa avanti per la competizione elettorale la lista civica “Comunità Viva”. Il Pd ha lanciato la proposta “Facciamo Ponte”

Il sindaco Enrico Rinuncini, ormai prossimo ai saluti dopo dieci anni di servizio, si avvicina al termine del suo mandato non nascondendo le soddisfazioni dell’ultimo periodo: anche grazie alle recenti pronunce della Corte dei Conti che ha permesso lo sblocco delle risorse accaparrate per il patto di stabilità, il primo cittadino ha potuto negli ultimi mesi svuotare molti progetti dal cassetto e tramutarli in cantieri in fase di partenza. Un finale dolce dopo dieci anni a volte amari, iniziati proprio tra crisi economica e alluvione. “Questo mandato si conclude positivamente. Lasciamo un Comune con le casse in ordine, con molti soldi da poter investire e nemmeno un mutuo che graverà sulle spalle dei cittadini”.

La parola chiave, per Rinuncini, è sicurezza: “Prima di tutto abbiamo messo a norma tutte le scuole, perché investire sulla sicurezza dei nostri ragazzi è investire sul nostro futuro. Poi, ci siamo concentrati sulla sicurezza idraulica, facendo, dopo il 2010, ciò che era in nostro potere, dalla pulizia degli scoli consorziali alle caditoie. Adesso, toccherà alle strade, con 790 mila euro di asfaltature e nuovi marciapiedi”. Già approvato in bilancio per il 2019 il completamento della pista ciclabile Roncaglia – Rio, unendo tratti già esistenti lungo via Garibaldi, la costruzione degli spogliatoi di Rio e la tanto agognata ristrutturazione di Villa Crescente. Rinuncini annuncia: “Oltre a non aver aumentato le tasse, alzeremo la quota di esenzione dell’Irpef comunale da 12 a 14 mila euro”.

Ma ora il primo cittadino “in uscita” cede il passo alla lista civica “Comunità Viva” che l’ha sostenuto. Toccherà a lei tracciare il prossimo percorso: “Sono iniziati i tavoli programmatici, a cui ciascuno può partecipare”. Anche se le settimane scorrono, sembra ancora troppo presto per parlare di una “ricucitura” con il centrosinistra “storico”, maggioranza, anche con lo stesso Rinuncini, fino al 2014: “Siamo in fase di ascolto, per tutti. Il candidato sindaco sarà scelto dagli iscritti a “Comunità Viva”. All’insegna del civismo anche l’impegno della sezione locale del Partito Democratico, che nei mesi scorsi ha lanciato la proposta “Facciamo Ponte” per unire cittadini, gruppi, associazioni e realtà politiche.

“Vogliamo fare di Ponte San Nicolò – promette il segretario Paolo Schiavon – un paese sostenibile dal punto di vista ambientale, dove vi siano opportunità di lavoro per i giovani e allo stesso tempo attenzione per chi invecchia”. Paolo Schiavon, pur non entrando nel dettaglio, non nasconde trattative in corso sia con gli storici esponenti ambientalisti del territorio, sia con la maggioranza di Comunità Viva: “Speriamo, nelle prossime settimane, di trovare un esito positivo. Noi lavoriamo perché Ponte San Nicolò mantenga la sua tradizione di Comune democratico, progressista, solidale e accogliente, in grado però anche di progetti innovativi, di promuovere un’agricoltura sostenibile e di dialogare nell’ottica della città metropolitana”.

Andrea Canton

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento